AttualitàPolitica

“Non solo 25 novembre”

Il tema del convegno tenutosi ieri al Palazzo della Provincia di Savona, promosso dal Coordinamento Donne Lega per Salvini Premier di Savona.

L’ Avv. Sabrina De Biasi, in qualità di moderatrice, ha presentato i partecipanti al dibattito e coordinato gli interventi dell’On. Sara Foscolo, membro della XII Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati, della Dott. Elisabetta Franzioia Responsabile alle Pari Opportunità di Lega Liguria, di Florencia Belen Bianco, di Vincenzo Coletto  Delegato Regionale SAPPE e Roberto Frumento Segretario Provinciale SAP.

Il tema centrato  sulla eliminazione della violenza contro le donne è stato trattato in maniera esaustiva creando anche un dubbio tra il termine femminicidio da preferire a quello più ampio di violenza contro i deboli, descrivendo la non soddisfacente legislazione attuale, sottolineando che oltre  al gesto delittuoso si crea un cambiamento drammatico e duraturo dei suoi congiunti specie dei figli. La presenza di Florencia Belen Bianco, orfana di femminicidio dal 2012, e la narrazione della sua vicenda ha focalizzato l’attenzione del pubblico, significativamente non numeroso. Si è rivissuto come fosse una fiction l’escalation delle violenze subite da tutta la famiglia di Florencia, che salva la madre all’età di soli otto anni dal primo tentativo di soppressione da parte del marito. Infatti con l’uccisione del coniuge o di una donna si aprono ferite e problematiche in quelli che le sono vicini.

Dalla testimonianza di Florencia, più di ogni dato statistico o informazioni sul diritto e gli interventi degli enti preposti a questa realtà, possiamo avere la certezza che ci sia ancora molto da fare per scuotere soprattutto le coscienze  e ritornare a interessarsi dei problemi del prossimo. Su questo i relatori hanno espresso la necessità di coinvolgere sempre più, attraverso l’istituzione scolastica, le giovani generazioni aprendo un dialogo a 360° perchè si aprano agli adulti e comprendano il rapporto diritto – dovere.

La conclusione unanime è stata che più di ogni altro mezzo legale e di interventi delle varie autorità competenti sia più efficace scuotere le coscienze anche se il processo appare più difficoltoso e si è espresso anche l’auspicio in un ritorno al passato quando ci si aiutava tra vicini di casa, mentre ora il più delle volte non si sa chi siano. Collegarsi con la pagina facebook “Noi, orfani speciali”, che Florencia ha aperto nella solitudine del lockdown, questo potrebbe essere un primo passo per far scendere non solo numericamente i casi di femminicidio ma mettere una goccia di umanità nella società contemporanea ormai alla deriva.

Anche la Dott.ssa Rag. Barbara Davite ha confermato le problematiche tra adulti e minori gà in tenera età essendo responsabile de “I Girasoli” Soc.Cooperativa Sociale progetto tata a domicilio e  con l’esperienza diretta.  A corollario del dibattito un contributo particolare è stata la lettura del Dott. Carlo Terlizzi dei dati statistici della ASL2 sui casi di ricorso a cure mediche da parte di donne maltrattate con particolare attenzione all’approccio non facile con loro in particolare stato di stress e ha sottolineato pure la necessità di una preparazione mirata del personale che ha il primo contato con le vittime; altrettanto rivelatore di problematiche è stato l’intervento dell’Avv. Sara Minuto sul già citato problema di una visione più ampia di comportamenti violenti in genere che si può collegare, oltre al tema della educazione dei giovanissimi alla definizione di carcere come “un mondo nel mondo” proposta da Vincenzo Colletto che ha analizzato il percorso che porta alla violenza ed ha sottolineato che il seme di essa viene gettato proprio nel tessuto famigliare: la famiglia madre può diventare matrigna. Problematiche condivise e accentuate anche nell’ intervento del segretario SAP Roberto Frumento.

@ Articolo di Gabriella De  Gregori

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: