Attualità

L’incerto destino di Piazza Matteotti ad Albenga

Zona residenziale o rischio degrado? Uno degli angoli più suggestivi della Città delle Torri o un luogo di scarsa attrazione? Sono i legittimi quesiti che si pongono gli abitanti e gli esercenti di Piazza Matteotti o Piazza della Stazione in vista dell’ormai prossimo raddoppio della ferrovia con conseguente spostamento a monte. Una leggenda metropolitana quella del raddoppio con la quale sono cresciute intere generazioni,  ma che adesso, udite udite, sembra aver messo tutti d’accordo, anche perché si è  intuito l’affare. Ammesso, e questa volta concesso, che entro il 2023 inizino i lavori si potrebbe parlare di consegna delle chiavi entro il 2028, un tempo che sembra eterno ma che in verità scorrerà veloce per chi esercita determinate professioni. E allora ecco che necessariamente si parte da valore degli immobili, a partire proprio da. quelli della stazione, una volta destinati al personale viaggiante. E poi gli immobili della zona per i quali le agenzie potrebbero scommettere su un netto rialzo del loro valore, con il margine di rischio se la zona residenziale rimanesse una chimera. E gli esercizi commerciali a partire dal mitico Bar Matteotti con i fratelli Ezio e Sabino che sono una istituzione? Anche per loro, ammesso che vogliano ancora faticare per tanti anni, lo stesso margine di rischio, sperando che tutto proceda per il meglio. Ma aspettando che tutto accada si pensa al presente che non è  esattamente il migliore dei mondi possibili.  Fanno notare i taxisti e coloro che lavorano mentre è buio, di come Piazza Matteotti non sia ancora dotata, al contrario di altre zone, di una illuminazione idonea e stesso discorso vale per la prima parte di Via dei Mille. E se in questi giorni i controlli della Polizia Ferroviaria si sono moltiplicati per le note vicende legate al  Green Pass, troppe volte l’atrio della stazione, dove non è più presente l’Edicola Luka che si è  spostata vicino al Bar Matteotti, sembra un luogo da non frequentare.  Spetterà  a questa amministrazione comunale, ma anche alla prossima,  affrontare, possibilmente senza dormirci sopra, il tema sul destino di una delle Piazze più note della città che merita, non fosse altro per la sua storia, un destino felice.

Guglielmo Olivero

Email olianno3@libero.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: