Cultura e Musica

Creativamente e Spazio Genitori: i progetti a sostegno delle disabilità

comune alassio
“Il graduale ritorno alla normalità, con tutte le precauzioni del caso sta giorno dopo giorno riattivando i numerosi servizi che l’emergenza sanitaria aveva sospeso”.  Franca Giannotta, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Alassio, sta riattivando, e attivando ex novo, alcuni servizi che troveranno spazio nei locali di Via Robutti, sempre più centro polifunzionale per bambini e famiglie, ma anche – opportunamente distinti – per anziani.
“Quelli di Via Robutti, sono ormai stati riconvertiti in locali polifunzionali  – aggiunge – dove si trova il centro d’incontro per anziani “L’isola che c’è”,  ma anche uno spazio neutro arredato con materiali didattici ed educativi per minori per incontri per famiglie di bambini in affido o in carico ai servizi sociali, o ancora per gruppi di genitori di ragazzi disabili,  nonché la sede del Servizio di Assistenza Domiciliare. L’Ufficio Politiche Sociali si è attivato per dare spazi e tempi specifici di programmazione delle attività, per meglio rispondere ai nuovi bisogni del territorio favorendo momenti di confronto tra gli operatori dei servizi di sostegno educativo per bambini e ragazzi, dell’assistenza domiciliare per anziani e disabili  e per la supervisione delle assistenti sociali.  La struttura del resto è molto ampia e consente  lo svolgimento di queste attività in assoluta sicurezza”
Ed è proprio qui che è ripreso il progetto “Creativamente”, già iniziato a fine 2019 e sospeso per la pandemia.
“Questo progetto – spiega Giannotta – mira a contrastare la condizione di emarginazione dei minori disabili, già seguiti a livello educativo a casa e a scuola dal Comune di Alassio, offrendo loro una struttura di riferimento  al fine di favorire la socializzazione, lo sviluppo e l’implementazione delle autonomie. Si mira   allo sviluppo di capacità relazionali e di comunicazione con i coetanei; sviluppa capacità creative e comunicative e nello stesso tempo offre momenti collettivi di gioco e divertimento, grazie alla realizzazione di laboratori specifici per attività manuali, espressive e ricreative. L’obiettivo è quello anche dell’integrazione sociale dei nostri ragazzi avviando scambi e relazioni con le realtà educative della Comunità alassina”.
Dal 4 novembre scorso, una volta la settimana sono diciassette i minori che, divisi in quattro gruppi svolgono questa attività.

“Il progetto “Spazio Genitori” – prosegue l’Assessore – è invece un nuovo servizio che vuole offrire sostegno alla genitorialità, creando uno spazio di supporto e confronto per i genitori che affrontano le difficoltà connesse alla crescita e alla disabilità dei propri figli nelle differenti fasi della vita e ha l’obiettivo di aiutarli a comprendere meglio i loro bisogni e necessità e a trovare soluzioni educative ottimali. Il percorso di supporto alla genitorialità rappresenta un valido strumento di assistenza ai genitori per trattare la complessità emotiva, affettiva e relazionale che caratterizza la relazione con i loro figli. Il pedagogista diventa una figura indispensabile per permettere al genitore di affrontare le nuove sfide quotidiane, per rendere possibile la condivisione di esperienze, la riflessione e il confronto con altre persone che condividono percorsi di vita similari”.
“Spazio genitori” ha preso il via da pochi giorni e, anche in questo caso, gli aderenti saranno divisi in gruppi ristretti.

“Si tratta – conclude Giannotta – di progetti unici in zona nel loro genere che sono il frutto di numerosi incontri con le famiglie che vivono problematiche di disabilità al proprio interno. Gli stessi genitori ci hanno confermato il proprio isolamento e dei propri figli che è stato accentuato dalla pandemia aumentando il loro disagio. Dall’attento ascolto delle loro segnalazioni e dalle loro esigenze sono nati progetti unici e mirati”

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: