Due Chiacchiere con l' Arte

Andrea Cornalba, un pittore in pop art

Dipinto rappresentativo di Andrea Cornalba
Dipinto di Andrea Cornalba
Dipinto che ha partecipato al concorso “Valdata-Viciani”
Dipinto di Andrea Cornalba

Presentiamo Andrea Cornalba PITTORE, nasce a Pavia nel 1990, coltiva la passione per il disegno già dalla tenera età. Durante il percorso degli studi frequenta l’Istituto superiore Volta iscrivendosi al corso di geometra, appassionato di disegno tecnico.  Termina gli studi e abilitazione, dopo essere stato 4 anni in uno studio di architettura e designer abbandona il progetto di geometra.  Inizia ad approcciarsi alla pittura  da autodidatta  con colori acrilici. In seguito frequentando corsi di pittura presso la Scuola civica Arvima, prendendo dimestichezza con i colori ad olio. Entrato da poco a far parte della Libera Associazione Pittori Pavesi    (LA.PI.PA), amante della Pop Art e del ritratto, sperimenta nuove visioni di composizioni fotografiche che prima esegue in digitale per poi riportarle su tela.

Conosciamo meglio l’artista con qualche domanda:

Colpita dal tuo modo di dipingere e dal genere che fai amando Warhol io personalmente, ti chiedo:  ” cosa ne pensi di quel periodo artistico, era secondo te innovazione o semplice metodo pubblicitario?”

Il  nostro pittore ci risponde : ” Secondo me Warhol ha cambiato totalmente la visione artistica sia dei suoi tempi che dei tempi moderni. Non era solo metodo pubblicitario ma era proprio un’innovazione artistica che ha permesso di sviluppare tecniche nuove, a mio parere, molto eccentriche, oltre tutto mi piace molto  anche a livello fotografico, adoro le sue Polaroid.

“Avendo partecipato a mostre e a concorsi cosa provi nel sentire i commenti di chi guarda un tuo quadro?”

“Si ho partecipato a molti eventi qui in Pavia, a dirti la verità mi piace molto sentire i commenti della gente sulle mie opere. Sia positivi o che siano negativi, i primi mi confermano che ho fatto un buon lavoro, mentre i secondi mi stimolano a migliorarmi sempre di più. Mi è sempre piaciuta la competizione.

“Io ho fortemente voluto questa intervista perchè sei molto bravo, il quadro dell’angelo mi ha colpito in modo particolare. Ci spieghi questa tua opera come nasce?”

“IL quadro tagliato dell’angelo è nato molto casualmente. Questa è stata la mia  prima tela che ho fatto senza prendere spunto da nessuna foto o dipinto. E già da quando era a metà un cliente me l’aveva comprata dicendomi di finirla come meglio credevo. Allora per renderla particolare al massimo ho deciso di dipingere un’ala sul retro in modo che tagliandola cadesse in avanti come se fosse un’ala vera. Diciamo che l’ispirazione del taglio viene dal grande Fontana, anche se erano tagli diversi da quello che ho concepito io.”

“Partecipare al concorso Valdata-Viciani, col Joker della DC come mai hai fatto questa scelta, ok il tema del concorso ” il gioco d’azzardo” ma perchè proprio questo personaggio?

“il concorso Valdata-Viciani, di quest’anno mi è molto piaciuto, c’erano quadri molto validi, sono contento di aver vinto il Premio all’avanguardia e sono anche molto contento del primo posto della mia collega Katia. Ho scelto il Joker perchè era diventato praticamente virale per l’omonimo film. Ho deciso di rivisitarlo con delle carte sul fondo per rendere particolare il quadro, tendo sempre a fare cose particolari.”

” E’ difficile fare arte in questo periodo secondo te ?”

“Si, è molto difficile a mio parere, non tanto farla ma il creare qualcosa di nuovo che non sia già stato fatto. Sto lavorando parecchio sulla novità infatti non ho ancora trovato il mio percorso da seguire, sono ancora in fase di sperimentazione. Però devo dire che ho molte commissioni che riguardano soprattutto ritratti, quindi mi ritengo soddisfatto. Anche se la mia idea sarebbe quella di creare un movimento nuovo e mai visto, spero di riuscirci prima o poi.”

“Nell’arte c’è ancora qualcosa  da dire per poter contrastare il mondo come lo vediamo, secondo te?”

“Nell’arte ci sarà sempre qualcosa da dire, sia per contrastare il mondo odierno, sia per creare un mondo nuovo, fatto di speranze e di qualcosa in cui credere per davvero. Ognuno nell’arte si crea il proprio mondo per me l’arte è una comfort zone. Mi annullo dall’esterno e ho un mondo tutto mio da trasmettere attraverso le mie opere.”

Per contattare l’artista vi scrivo qui sotto i suoi indirizzi social e mail.

Istagram.: crart_ac

Facebook: CRArt

Email: andrea.cr790@gmail.com

Grazie a Cornalba Andrea

di Manuela Montemezzani

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: