AttualitàCuriosando qua e là

Mercatino di San Nicola, dal 3 al 23 dicembre in piazza Piccapietra tornano le bancarelle e gli eventi all’insegna della solidarietà

Dopo la sosta forzata del 2020 causata dalla pandemia, da venerdì 3 a giovedì 23 dicembre il tradizionale Mercatino di San Nicola torna in piazza Piccapietra a Genova per accendere l’atmosfera natalizia con le sue bancarelle, eventi, incontri, laboratori per bambini e sagre gastronomiche con prodotti liguri, ricette dal mondo e tante occasioni: dalle palline in vetro per addobbare gli alberi ai prodotti enogastronomici tipici del territorio, passando per abiti e accessori, con idee regalo per tutti i gusti e per tutte le tasche; anche quest’anno molte saranno le associazioni che animeranno questo angolo del centro cittadino e devolveranno il ricavato in beneficenza per la realizzazione di progetti e supporto alle loro attività al fianco di chi soffre e di chi ha bisogno di sostegno. Dal 1986, anno di battesimo di questo mercatino natalizio, sono stati devoluti aiuti per circa settecentomila euro; per l’imminente 32 edizione i volontari hanno lavorato senza sosta e 80 sono le associazioni che hanno risposto con entusiasmo all’appello lanciato dagli organizzatori. Insieme a loro tanti artigiani e produttori; per tutta la durata del Mercatino di San Nicola resterà allestito il piccolo villaggio con stand e postazioni a disposizione delle associazioni, per farsi conoscere e raccogliere i fondi per finanziare progetti e iniziative benefiche. Come tradizione l’intero ricavato dell’evento servirà realizzare due importanti progetti, quest’anno sono stati scelti ABEO – Associazione Bambini Emopatico e Oncologico e Centro per non subire Violenza; gli stand saranno aperti dalle ore 10 alle 20.

“Sono contenta di essere qui dopo lo stop dello scorso anno e questo mercatino, che è uno dei simboli di Genova, è molto atteso”, dichiara l’assessore al commercio Paola Bordilli, “ma voglio ricordare che il lavoro dei volontari è molto importante. Questa manifestazione è il risultato di un grande lavoro che inizia molto tempo prima ed occorre continuare così non dimenticando lo spirito natalizio; la cosa più importante è la finalità benefica e la solidarietà non deve mai venire meno. Stiamo trasmettendo un importante segnale di ripartenza che spero possa essere una dimostrazione del fatto che poco a poco torniamo alle nostre vite; ci saranno molti eventi collaterali e si torna alle tradizioni con il rispetto delle regole anti pandemia. Vi è necessità di fare sinergia con una particolare attenzione alla solidarietà”.

Stessa soddisfazione da parte di Marta Cereseto, Presidente associazione Volontari del Mercatino di San Nicola :”L’assessore Bordilli è una certezza nell’organizzazione della manifestazione perchè ci aiuta sempre e nonostante sia difficile organizzare manifestazioni non abbiamo mai mollato; il tema è non sentirsi soli e per me tutto ciò significa stare accanto alle famiglie dei bambini ricoverati al Gaslini ma anche stare vicini alle donne vittime di violenza. Per questo evento abbiamo coinvolto circa 80 associazioni genovesi ma voglio dire che le volontarie mettono tanto amore nel preparare l’appartamento dedicato alle famiglie dei piccoli degenti; per tutto il periodo che ci sarà il mercatino si svolgeranno anche eventi per adulti e bambini. Voglio specificare che il mercatino festeggia ben 31 anni e l’intero ricavato sarà destinato all’associazione ABEO con la Casa dei Capitani Coraggiosi per le famiglie dei bambini ricoverati al Gaslini e al Centro per non subire violenza per aiutare le donne che hanno bisogno di aiuto”.

“Il mercatino ha 32 anni ma l’impegno e la gestione non sono mai venuti meno”, afferma Francesco Massa, presidente di ABEO, “e questa è per l’associazione un’importante occasione per farsi conoscere. Ringrazio il mercatino che ci ha scelti come destinatari dei fondi; noi ci occupiamo di mettere a disposizione una casa alle famiglie dei pazienti del Gaslini facendo anche un progetto chiamato Puoi sempre tornare per i bambini che tornano a Genova per i controlli post ricovero affinchè siano garantiti loro viaggio e soggiorno. Spero che la manifestazione vada bene ed il lavoro dei volontari è importante; noi avremo il panettone, alcuni oggetti realizzati a mano e probabilmente piccoli alberi di Natale di cioccolato”.

“Ringrazio le istituzioni dicendo che il mercatino è importante”, sottolinea Gabriella Grasso, Vice Presidente Centro Per Non Subire Violenza, “e la nostra realtà è stata scelta come beneficiaria dei proventi della manifestazione. Bisogna collaborare per non far sentire sole le donne e con questa donazione vogliamo creare borse lavoro per vittime di violenza; il nostro sportello si occupa anche di fare i curriculum e prende contatto con le aziende. Il nostro centro è in Via Cairoli e voglio ricordare che quest’anno circa 300-400 donne ci hanno chiesto aiuto; se la vittima chiede aiuto è importante perchè possiamo intervenire e quando viene da noi deve essere sicura di cosa sta facendo. Le donne hanno bisogno di aiuto e da sole non riescono a fare tutto; noi forniamo assistenza psicologica e legale ma abbiamo anche una casa rifugio ad indirizzo segreto per le vittime di violenza domestica ed i loro figli. Chi riesce ad uscire da questo fenomeno ha una marcia in più ed è forte ma una donna che ha un lavoro è la vera protagonista della sua vita; la borsa lavoro sarà creata in memoria di Clara Ciccarelli, uccisa dall’ex compagno poichè da questa grande tragedia deve nascere una possibilità. Le vittime devono volerne uscire di propria volontà ma sono convinto che occorre coinvolgere maggiormente i giovani”.

“Il nostro obiettivo è quello di aiutare il Gaslini ed abbiamo creato un asilo nido per i fratelli dei piccoli ricoverati”, evidenzia Pierluigi Bruschettini, Presidente dell’associazione La Band degli Orsi, “e sono convinto che occorre migliorare il servizio ma serve l’aiuto di tutti. Durante il mercatino ci occuperemo di cucina ma siamo attenti a promuovere le nostre iniziative; la collettività deve essere maggiormente attenta al tema in questione aiutandoci il più possibile”.

“Il nostro è un lavoro importante ed abbiamo avuto tante adesioni dalle diverse realtà gastronomiche ma anche dagli artigiani; molteplici sono le attività coinvolte e ne andiamo orgogliosi”, conclude una delle volontarie del mercatino.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: