Cultura e Musica

Memory Doc/ Il sasso del Balilla

Di una cosa possiamo esser certi: nessuno dei nostri affezionati  lettori era presente quel pomeriggio del 5 dicembre 1746. Siamo a Genova e la popolazione è  allo stremo per la lunga occupazione austriaca, appoggiata dalle nobiltà piemontesi e dagli interessi dei potentati francesi e germanici. Da tempo il mugugno, per usare l’espressione genovese, sale ma nessuno sa come passare all’azione. Il 5 dicembre Genova si sveglia sotto la pioggia e sulla strada un mezzo dell’artiglieria austriaca rimane bloccato. Gli arroganti ufficiali presenti in zona pretendono che la popolazione  liberi il mezzo: vecchi, donne, bambini, non fa distinzione.  La misura è colma e da un lato della strada un sasso viene lanciato contro gli austriaci. Il gesto, che esalta i presenti  a ribellarsi,   è  di un ragazzo chiamato “il balilla”, il cui vero nome è  Giambattista Perasso, anche se nei decenni successivi molti storici dovranno lavorare sull’argomento.  Una cosa è  sicura di questa pagina di storia che speriamo abbia acceso il desiderio di saperne di più leggendo i numerosi testi presenti nelle biblioteche : cinque giorni dopo Genova sarà liberata dall’occupazione austriaca. Per ricordare il Giambattista Perasso oltre a monumenti come quello nella foto potete passare ancora oggi nei vicoli della Genova antica e soffermarvi  su quelle panetterie che neppure hanno insegna (si sa, costano… ) e ordinare il Pan del Balilla. E nel gustarlo pensare a quel ragazzo che con un semplice gesto ha portato alla liberazione di una città.

Email: olianno3@libero.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: