Attualità

Memory Doc: Quella mattina a Pearl Harbor

Sarebbe bello, ogni volta che si ricordano date come questa, osservare con più attenzione i  vecchi  che vissero quelle drammatiche giornate e che magari avrebbero ancora  il piacere di raccontarle ai nipoti, per quella trasmissione della Memoria fondamentale per la storia di un popolo. Non è proprio andata così  se si pensa che le nuove generazioni hanno scoperto Pearl Harbour attraverso un film premiato con diverse statuine alla Notte degli Oscar e che fatalmente non può spiegare tutto di quella mattina del 7 dicembre 1941.  Pearl Harbour, nel linguaggio hawaiano Wai Nomi, è un’isola dell’arcipelago di Oahu. Per la bellezza del suo mare è denominata “Acqua di Perle”, un appellativo che certo non ha intenerito la Prima Flotta Giapponese diretta dal vice ammiraglio Nagano.  Da sei navi  portaerei decollarono i bombardieri che lanciarono gli ordigni sulla flotta americana che a Pearl Harbor aveva una delle basi più  importanti. Invitiamo sempre in questi casi, per quel piacere unico che è leggere la Storia, di consultare i tanti volumi sull’argomento e soprattutto quelli che analizzano gli eventi successivi per arrivare alle bombe sganciate dagli americani a Hiroshima  e a Nagasaki.  E poi magari, se si ha la fortuna di avere ancora qualche anziano in famiglia, farsi raccontare quei giorni. Come ha fatto con me Vittorio, un novantenne di Savona : ” Ricordo come l ‘Eiar commentò con enfasi quell’attacco contro gli Stati Uniti. Ma chi come me sognava la Liberazione pensò che quello di Pearl Harbor poteva essere l’inizio della fine dei regimi dittatoriali “. Ma certo da quel 7 dicembre 1941, con la baia piena di cadaveri, pochi si ricordarono di quell’appellativo di Acqua di Perle.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: