Attualità

Due giovani per la Giornata diocesana del dialogo ebraico – cristiano

A Giacomo Ghedini e David Morselli, responsabili nazionali dell’Amicizia Ebraico – Cristiana Giovani, saranno affidate le meditazioni in occasione della 33esima Giornata per l’approfondimento e lo sviluppo del dialogo tra cattolici ed ebrei, che si terrà lunedì 17 gennaio alle ore 17 nella Sala Cappa del Centro Pastorale “Città dei Papi”. Quest’anno la Giornata sarà ispirata al versetto 29,10 del profeta Geremia “Realizzerò la mia buona promessa”.

Dialogheranno con i due giovani il rappresentante della comunità ebraica savonese Amnon Cohen, il rabbino capo della comunità ebraica di Genova Giuseppe Momigliano, il vescovo Calogero Marino e Natasha De Rosso, responsabile della Comunità di Sant’Egidio di Savona e nuova delegata diocesana per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso al posto del dimissionario don Giovanni Lupino.
“Negli ultimi anni i temi del dialogo sono stati dedicati alle ‘Dieci parole’ e alle Meghilloth – si legge nel messaggio della Commissione episcopale per l’ecumenismo e il dialogo – Ora, alla luce della pandemia e delle sue conseguenze, desideriamo intraprendere un cammino sulla Profezia. Proponiamo la lettura di un passo del profeta Geremia che ci pare particolarmente in sintonia con il tempo complesso che stiamo attraversando”.

“Si tratta de ‘La lettera agli esiliati’ (Ger 29,1-23) – continua il messaggio – In questa lettera Geremia reinterpreta l’esilio vissuto dal popolo, quasi si trattasse di un ‘nuovo esodo’: Israele si trova in mezzo ai pagani, ben distante dalla terra della promessa senza il tempio, eppure proprio in quella situazione drammatica ritrova il senso autentico della propria vocazione. Moltiplicarsi in quella terra, mettere radici, favorire la pace e la prosperità di tutti, ripartire dalle cose fondamentali e semplici della vita (lavoro, relazioni, casa, famiglia, etc.): ecco la chiamata che Dio affida ai suoi”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: