AttualitàCultura e Musica

23 e 24 maggio: due date successive con differente peso nella memoria?

Domani ricorrerà il 105esimo dell'entrata dell'Italia nella Prima Guerra Mondiale: 23 maggio 2015.

In italia esiste una vera memoria storica? O gli Italiani sono indirizzati a ricordare, e celebrare , maggiormente quanto viene con più enfasi e frequenza  proposto dalla politica e dai media?

Poi, nell’affermare ciò, tralasciamo gli aspetti inerenti gli insegnamenti scolastici, perché altrimenti la questione diventerebbe troppo complicata.

Si tratta in questo caso comunque di storia contemporanea, ben documentata, quella del secolo scorso, non di vicende appartenenti ad un passato remoto, avvolto spesso nel mito e carente di fonti.

Orbene, in questo maggio, ricorrono, ad esempio, due date successive, entrambe importanti per l’Italia e gli Italiani, che paradossalmente nello spazio dedicato dalle Istituzioni e dai media, quindi per riflesso condizionato nell’attenzione della cittadinanza,  potrebbero avere un peso assai inversamente proporzionale alle persone cadute per servizio nei fatti che le hanno segnate.

E far leva soltanto sui circa settant’anni che intercorrono fra di esse non è un alibi che potrà giustificare enfasi, in un caso, e semi oblio, nell’altro.

23 maggio.

Oggi si celebra il 28esimo anniversario della strage di Capaci: il 23 maggio del 1992 la mafia fece saltare in aria il magistrato Giovanni Falcone, insieme alla moglie Francesca Morvillo e agli uomini della scorta Antonio Montinaro, Rocco Di Cillo e Vito Schifani.

Molti comuni hanno aderito al flashmob promosso da Anci, che ha recepito la proposta di Maria Falcone, presidente della Fondazione intitolata al fratello Giovanni, di dedicare questa giornata a tutti coloro che, in questi ultimi tempi, si sono prodigati, con abnegazione e grande senso del dovere, nella difficile gestione dell’emergenza sanitaria.

In spazi pubblici e privati è stato esposto un lenzuolo bianco.  In varie località sobrie ma significative cerimonie, nel pieno rispetto delle norme previste dal distanziamento sociale,  con il minuto di silenzio, talora la corona. Non poche le autorità intervenute con messaggi, in primis il Capo dello Stato.

Quanto sopra, giustamente è avvenuto per tenere viva la memoria del sacrificio estremo di 5 Servitori dello Stato.

Il giorno dopo. 24 maggio.

Domani ricorrerà il 105esimo dell’entrata dell’Italia nella Prima Guerra Mondiale: 24 maggio 1915.  La Grande Guerra, con l’intero  suo carico di morti, tragedie e devastazioni, era già in atto da dieci mesi quando l’Italia cessò la neutralità e discese in campo al fianco delle forze dell’Intesa contro gli ex alleati dell’Impero Austro-Ungarico e della Germania.

In quelle “radiose giornate di maggio”, come sarebbero state definite dalla fazione interventista, che furono il preludio alla dichiarazione di guerra,  con la maggioranza della popolazione pressoché ignara delle ragioni della stessa, a prevalere furono le posizioni di chi premeva per la partecipazione al conflitto su quelle di chi vi si opponeva.

Molti di quei fanti che il 24 maggio 1915 attraversarono il Piave, nel novembre 1918 ritornarono a casa e ai propri cari trovandosi davanti un mondo diverso.

Un mondo che tantissimi, circa 600.000 – a tutti gli effetti anch’essi chiamati a servire lo Stato – altri non ebbero la fortuna di vedere.

Immagino che, probabilmente, su televisioni e giornali, in pochi domani faranno un minimo cenno ad essi e e alle pagine di storia che scrissero con il proprio sangue.

A prescindere dalle ragioni giuste, o ingiuste,  della guerra a cui parteciparono,  essi meritano altrettanto un degno ricordo.

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: