Cultura e Musica

A Finale Ligure due giorni dedicati all’Etiopia

Finale Ligure ospiterà domani e domenica  l’incontro internazionale “Anno Domini 1000. Due giorni su Etiopia e Vie Oceaniche della seta”, che presenta ricerche e scoperte recenti in materia di relitti, città, grotte e natura su una via turistica in Etiopia. Il convegno si terrà domani in Sala Gallesio a Finalmarina (ore 18,30) e domenica all’Auditorium di Santa Caterina a Finalborgo (ore 17,30).

Domenica, alle ore 11, saranno inaugurate nei Chiostri di Santa Caterina (Museo Archeologico del Finale) due mostre fotografiche: “Altipiani delle Meraviglie” di Laura Rodolfi e “Volti d’Oromia” di Marco Adorno. Le due mostre saranno visitabili fino al 15 settembre, da martedì a domenica dalle 9 alle 12 e dalle 14,30 alle 17. L’ingresso è libero a tutte le iniziative. Lo studio delle risorse della via turistica in Etiopia ha permesso di comprendere grosse novità sulle vie oceaniche della seta, scoprire monete della Cina Orientale interna del Mille nel cuore dell’Etiopia e capire la probabile origine di monete coeve di Kilwa, Tanzania, recuperate in Australia. Al convegno sarà presente tra i conferenzieri uno dei responsabili del CTC, il Club Cicloturistico Inglese, che vanta oltre 60.000 iscritti. Presenterà un giro d’Etiopia in bici e commenterà il cicloturismo in Africa. Un noto storico del Corno d’Africa, Manlio Bonati, parlerà di tre esploratori italiani in Etiopia, mentre un ricercatore di Harvard proporrà ai colleghi europei, rappresentati dal Presidente Idrogeologi Italiani e del capitolo Europeo Idrogeologi, Marco Petitta, docente alla Sapienza, e da suoi colleghi del Politecnico di Milano, un progetto per utilizzare il satellite ESA InStar per ricerche di acqua in una zona dell’Etiopia, Harar, molto colpita dal cambiamento climatico. Harar è centrale per la nuova via turistica.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: