Musica

A Loano alla scoperta della musica tradizionale italiana

Prosegue, a Loano, il viaggio alla scoperta della produzione contemporanea di musica tradizionale di radice italiana, attraverso gli incontri con artisti, giornalisti e operatori culturali, ospiti del Premio Nazionale Città di Loano per la musica tradizionale italiana. Il festival, che vede la direzione artistica del giornalista musicale John Vignola, è organizzato dall’Associazione Compagnia dei Curiosi in collaborazione con l’Assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Loano, con il contributo della Regione Liguria, Fondazione A. De Mari, Doppia J srl Gestione Ssupermercati e il patrocinio della Provincia di Savona, dell’ANCI e del MEI.

Domani, il Premio Incontra.. ospiterà, in piazza Palestro, alle ore 18.30, Silvana Zanolli, Alessandro Nobis e Ensemble Righi per la presentazione del volume “Ettore Scipione Righi: Il canto Popolare Veronese”. Il volume, curato da Silvana Zanolli e Alessandro Nobis (CiErre Edizioni-MusicAcustica, 2011), mette a disposizione per la prima volta nella sua completezza la cospicua parte del materiale etnografico – raccolto nel veronese tra il 1850 e il 1880 dall’Avvocato Ettore Scipione Righi -, dedicato al canto popolare, un preziosissimo affresco della vita nel contado e nella città di Verona durante questo periodo storico. L’incontro, condotto dal direttore artistico del Premio Tenco Enrico de Angelis, sarà arricchito da interventi musicali a cura dell’Ensemble Righi, che si presenterà a Loano in formazione trio: Giuliana Bergamaschi (voce solista), Paola Zannoni (violoncello), Alfredo Nicoletti (chitarra acustica e direzione musicale). Il festival si sposterà, alle ore 21.30, sul lungomare, nello Spazio Culturale Orto Maccagli, dove suoneranno i Mascarimirì, gruppo salentino, da sempre impegnato nel riscrivere la tradizione musicale locale. Claudio “Cavallo” Giagnotti (voce, fiati etnici, tamburreddhu) e Cosimo Giagnotti (voce, fiati etnici, chitarra acustica) insieme a Vito Giannone (mandolino) e Beppe Branca (bassista) porteranno a Loano suoni mediterranei rivisitati.

“Gitanistan”, l’ultimo lavoro del gruppo, ha preso spunto da una ricerca personale (considerando le origini Rom dei fratelli Giagnotti) ma anche culturale, artistica, volta a scoprire le famiglie Rom salentine. Attraverso interviste audio e video girati tra fiere e mercati, racconti intimi, si è tracciato quello che poi diventerà “Gitanistan”, un film documentario che indaga l’aspetto storico, antropologico e musicale delle famiglie Rom salentine. Il disco rappresenta anche una riflessione sull’influenza che i Rom hanno avuto sulle musiche da ballo nel Mediterraneo e che, a loro volta, hanno ricevuto dalle stesse. Pizziche pizziche dal sapore arabo andaluso, bourrée e farandole occitane si mescolano alle tammurriate campane, echi flamenchi si sposano con le fanfare balcaniche. Un grande bacino sonoro contraddistinto dal suono ormai rappresentativo ed identificato dei Mascarimirì. I loop elettronici giocano con le voci tradizionali dei fratelli Giagnotti, i vent’anni di età di Alessio Amato s’incrociano con la datata esperienza musicale di Vito Giannone: ingredienti che promettono un risultato forte e innovativo. Alcuni testi dei diciassette brani che compongono il disco sono stati scelti tra i documenti che l’antropologia ci ha regalato, da Alan Lomax a Ernesto De Martino, da Luigi Chiriatti alle innumerevoli pubblicazioni che vedono come primo attore il Salento.

“Punk-Dub-Tarantolato Salentino” è la definizione che è stata usata per sottolineare la sperimentazione del gruppo che ha innestato sul patrimonio tradizionale tecniche fino ad allora estranee alle sonorità della musica popolare. Con all’attivo sei album in studio e un‘attività concertistica di primo livello, il gruppo di Muro Leccese rappresenta oggi il punto più innovativo delle formazioni musicali di pizzica pizzica salentina .
I Mascarimirì hanno suonato in Australia, Tunisia, Francia, Spagna, Svizzera, Belgio,Germania e hanno collaborato con Joe Zawinul, Buena Vista Social Club, Les Negresses Vertes, Massilia Sound System, Dupain, Lo Cor de La Plana, Manu Theron, Nux Vomica, E’Zezi, Eugenio Bennato, Marcello Colasurdo, Daniele Sepe, Luigi Cinque, Mauro Pagani, Ludovico Einaudi e i salentini Sud Sound System, Uccio Aloisi, Cesare Dell’Anna.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: