Musica

A Noli “Edward mani di forbice”

Ultimo appuntamento domani alle 21.30 sulla Spiaggia Libera dei Pescatori con la rassegna Noli i colori del cinema – seconda edizione. Per l’occasione, verrà proiettato il film di Tim Burton più fantastico e romantico: Edward mani di forbice.  La rassegna organizzata dal Comune di Noli, in collaborazione con l’associazione culturale no profit Kinoglaz giunta al suo secondo anno ha visto un incremento di pubblico notevole.

Non solo per le proiezioni dedicate ai bambini che hanno seguito e giocato con le schede da colorare dei loro beniamini, ma anche per quelle dedicate alle famiglie molto apprezzate, tanto da ricevere apprezzamenti attraverso i social network, mail e soprattutto interessanti critiche post proiezione con spettatori interessati a porre domande ai critici dell’associazione o semplicemente esprimere il piacere di essersi goduti un film che non conoscevano (in tanti hanno trovato Un cuento chino di Borensztein un film sorprendente e ingiustamente poco visto e Leafie di Seong-yun Oh davvero molto bello) o aver apprezzato nuovamente, in una location straordinaria come quella della riva del mare di Noli, una pellicola amata.
Giovedì sarà la volta di uno dei primi capolavori di uno dei registi più amati ed influenti del nuovo millennio: il Tim Burton – creatore di Beetlejuice, Batman, La fabbrica di cioccolato, Alice in wonderland, solo per citare alcune pellicole – che con Edward mani di forbice iniziò la riuscita collaborazione con l’allora semi-sconosciuto Jonny Deep e creò la sua fiaba gotica più visionaria e metaforica con al centro una sorta di adolescente-artista-frankenstein creato nel castello da un vecchio folle (un omaggio all’amato Vincent Price scelto per interpretare il ruolo) che muore prima di terminare l’opera, lasciando il ragazzo privo di mani ma dotato di affilate cesoie. Un ragazzo giudicato dal suo aspetto esteriore, anche se è completamente l’opposto rispetto a tale perfezione. Un giovane che non cresce per non vendere l’anima e salvaguardare la fantasia. Protagonista del film anche la società americana puritana degli anni ’50-’60 fatta di piccoli borghesi, di quartieri apparentemente tranquilli e anonimi color confetto della periferia americana, con casalinghe inquiete, pettegole e dall’unghia laccata (‘incubo’ e gioco del regista).
Un film, un apologo sull’impossibilità di essere diversi in una società tutta di uguali dove solo la fantasia può salvarci. Una società dove l’aver conosciuto la dolcezza dell’amore (Edward si innamora di Kim, una sorta di bella principessa da conquistare, interpretata da Winona Ryder) può permetterci di continuare a vivere. Un cinema quello di Burton riflesso di percezioni, paure, e domande che occupano da sempre la mente dell’infanzia diventata adulta: il terrore di rimanere soli, il bisogno di essere accettati, il rappresentare il mondo come un’astratta congerie di superfici e di suoni uniformi.
Per Burton che girò il film nel 1989: “Il mio personaggio è in conflitto con se stesso, vorrebbe toccare ma non può, vorrebbe vivere ma non può. Un uomo insieme creativo e distruttivo dove le cesoie sono un buon simbolo di queste tendenze contraddittorie, semplici e complesse nello stesso tempo”. Nella colonna sonora Tom Jones canta With these hands.

Ingresso gratuito

L’evento si svolgerà presso la spiaggia dei Pescatori.

In caso di maltempo sotto la Loggia della Repubblica, a fianco del Palazzo Comunale

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: