Please assign a menu to the primary menu location under menu

Archivi

ATTUALITÀL'Angolo della NaturopataVarie

A proposito di… Fibre alimentari

Uno dei pilastri dell’approccio naturopatico è, come ripeto spesso, quello legato all’educazione alimentare; insegnare alle persone a nutrirsi in modo consapevole rappresenta il primo passo da seguire per avviare un percorso di autentico riequilibrio organico. Un’alimentazione naturale e consapevole non può prescindere dal consumo di frutta e verdura ma, come ricordo di frequente ai miei Clienti, sono le fibre nella loro totalità ad essere fondamentali per il corretto funzionamento del nostro organismo.
Ma cerchiamo di capire nel dettaglio di cosa stiamo parlando: le fibre costituiscono la frazione di glucidi (carboidrati, ndr!) che risultano essere non digeribili da parte degli enzimi presenti nel tratto digestivo e dunque non sono disponibili per la funzione energetica. Si tratta di composti di origine
vegetale, solubili e insolubili, la cui composizione a livello di parete cellulare varia a seconda della tipologia, e sono formati prevalentemente da cellulosa, lignina e altri polisaccaridi.
La fibra cosiddetta insolubile è contenuta in cereali, legumi, verdura e frutta, ed è composta prevalentemente da emicellulosa, lignina e altri polimeri mentre quella solubile è presente in frutta e legumi ed è costituita da pectine, gomme, mucillagini e polisaccaridi.
Le fibre alimentari presenti appunto nella frutta e nella verdura così come nei cereali e nei legumi svolgono una serie di funzioni fondamentali quali dare solidità e consistenza agli alimenti trattenendo l’acqua, favorire la masticazione stimolando la secrezione salivare e provocare una corretta distensione gastrica ed un adeguato tempo di svuotamento con conseguente senso di sazietà. A livello intestinale la fibra ritarda l’assorbimento degli zuccheri risultando utile nella prevenzione dell’obesità e del diabete, delle dislipidemie e nel contempo interviene positivamente sul microbiota, ossia sulla flora batterica ivi presente, rendendo più facile la defecazione. Un tempo di transito intestinale troppo elevato infatti aumenta il rischio di assorbimento di tossine da parte dell’organismo ma altrettanto un transito troppo breve può causare problemi, come ad esempio il malassorbimento di alcuni nutrienti; il consumo di fibra alimentare ha dunque un’importanza fondamentale anche come regolatore della funzionalità intestinale. Persino l’efficace secrezione pancreatica ed una corretta solubilità della bile sono imputabili ad una alimentazione ricca di fibre.
Per contro, le problematiche legate al consumo delle fibre sono davvero molto limitate e collegate per lo più a patologie quali le gastriti acute o la sindrome del colon irritabile: in casi come questi un eccesso di fibre potrebbe aggravare la sintomatologia, quindi è necessaria cautela. Si ritiene che la quantità di fibra alimentare necessaria al funzionamento ottimale dell’organismo sia di circa 30 grammi al giorno, indifferentemente ripartiti tra solubile ed insolubile.
Anche l’acido fitico, una sostanza naturalmente presente in alcuni cereali, può presentare moderate controindicazioni quali l’azione chelante su alcuni oligoelementi presenti nell’organismo come il calcio, il magnesio ed il potassio ma i processi di lievitazione e cottura sono già sufficienti ad annullarne gli effetti.
D’altra parte le problematiche associate ad un’alimentazione povera di fibre sono innumerevoli e vanno dalla stipsi a patologie ben più complesse quali ad esempio la colite e la diverticolite; non dimentichiamo che anche l’obesità ed il diabete di tipo II sono spesso collegate ad una nutrizione scorretta.
In conclusione, l’assunzione di fibre presenta decisamente più vantaggi che controindicazioni quindi, salvo appunto situazioni particolari, è sempre consigliabile introdurre nella propria alimentazione un quantitativo rilevante di frutta e verdura ma anche di legumi e cereali: il nostro intestino ne trarrà giovamento, così come tutto il resto dell’organismo.
Al prossimo giovedì, un caro saluto al naturale.
Cristinacavallero.nat@gmail.com

Rispondi