Please assign a menu to the primary menu location under menu

CULTURA

A tutto Sanremo

"Rumori" e "Brividi" per il più grande spettacolo europeo della canzone

Il primo Sanremo di Amadeus ha fatto “Rumore”, il secondo ha messo tutti “Zitti e buoni”, il terzo è stato da “Brividi”, così ha definito i suoi tre Festival lo  stesso presentatore, che tutti i giorni vediamo ai “Soliti ignoti”, giocando sul titolo delle canzoni che si sono aggiudicate i primi posti nelle ultime tre edizioni e, forse, dovrà adattare la sua conduzione e la relativa direzione artistica alla canzone che vincerà  una quarta volta, di cui già si parla, con anticipo di un anno, che sarà lui a presentare ancora!  Amadeus si conferma un “mattatore” con garbo e discrezione, me con altrettanti carisma e simpatia!

Il successo del Festival appena trasmesso è stato generalmente sottolineato pur se non mancano polemiche, incidenti, attacchi all’acido muriatico ed i soliti “social”che, come bene sottolineava Umberto Eco, sono divenuti come erano prima le pareti piastrellate dei gabinetti, hanno accolto, come spesso, parole orribili  – non è  tutto così quello che si legge sui social beninteso! – ed hanno fatto “rumore”, sempre per rimanere nell’ambito delle canzoni che hanno vinto, gli attacchi vigliacchi, perchè la controparte non conosce chi scrive, a Gianluca Grignani, cosa che ha dato il destro a Gianluca Veneziani, figlio del più noto Marcello Veneziani, per scrivere, su “Libero Quotidiano”: “E poi, cosa aveva di così strano Grignani da farvi sogghignare? Sì, è vero, era un po’ su di giri, invitava il pubblico a cantare con lui e si è fatto un bagno di folla scendendo in platea, ma davvero non avete mai visto un artista farlo durante un concerto? Quanto al suo aspetto poi, aveva un cappello bizzarro, d’accordo, e gli occhi truccati, ma per il resto era vestito in modo normalissimo, anche piuttosto elegante. Dite che era visibilmente grasso? E questa vi sembra una buona ragione per prenderlo in giro, forse la lotta alla discriminazione non vale nei confronti delle persone sovrappeso? Guardatevi attorno, piuttosto, e vedete quanti “nuovi mostri” hanno fatto la loro apparizione a Sanremo in questi giorni. C’è chi si è spogliato a metà restando a torso nudo, come Achille Lauro prima di autobattezzarsi, o come Rkomi, solo per mettere in mostra tatuaggi e muscoli. E c’è chi ha fatto la sua comparsata in canotta con giro ascellare, credendo di stare in palestra o alla sagra della porchetta, tipo Giovanni Truppi o Irama, il quale aveva già dato prova di cattivo gusto, indossando il giorno prima un mega-centrino della nonna. E vogliamo parlare di Michele Bravi che si presentava con un inguardabile tailleur verde di quattro taglie più grande e una sottoveste brillantinata? Odi Tananai con addosso un abito che sembrava sporco di farina? O volete puntare l’attenzione su Lorena Cesarini vestita con abitino stile savana, vista la faccia di tigre stampata sopra, o su Orietta Berti, impresentabile presentatrice con i suoi outfit carnevaleschi? Il capolavoro però lo ha fatto Sangiovanni che indossava giacca bianca su tunica bianca, con tanti saluti all’eleganza italica, mentre cantava i versi di “A muso duro” di Pierangelo Bertoli che recitano così: «Adesso dovrei vestirmi come un fesso e fare il deficiente nei concerti». In effetti, è stato fedele al testo… Vi abbiamo risparmiato la mise rosa dei La rappresentante di lista, quasi più oscena dei loro pugni chiusi comunisti, i capelli blu della Bertè (ormai un classico) e il travestimento da Zorro della già travestita Drusilla Foer (ma almeno lei lo faceva con autoironia).” Ce n’è abbastanza di fustigazione all’apparenza dello show! Ed è di oggi l’attacco alla Rai e ad Amadeus di Donatella Rettore, irritata prima di tutto per come è comparso Jovanotti all’improvviso, mentre afferma che è stata bocciata la sua proposta di duettare sui temi di una delle sue hit, Kamikaze Rock n’Roll Suicide.  “Mi hanno detto che quella canzone non faceva parte della storia del Festival. Ma se è per questo non ne facevano parte neppure “Penso positivo”, “Ragazzo fortunato” di Jovanotti e “What A Feeling” di Irene Cara, cantata da Elisa – così si è scatenata la Rettore, continuando -. E poi mi hanno detto che non potevo cantare canzoni che appartenevano al mio repertorio eppure, Morandi ha cantato la sua, di canzone.” Secondo lei per la Rai ci sono figli e figliastri, e così ancora si esprime la “pantera” di Castelfranco Veneto: “E poi c’è da dire che io non sono un’istituzione come Morandi e Jovanotti”.  Le hanno fatto cantare: “Nessuno mi può giudicare” di Caterina Caselli, lei commenta: “Non c’è stato niente da fare. Mi hanno detto che era una canzone più divertente. Evidentemente Rai1 doveva promuovere il film su Caterina Caselli”. E, tra l’altro, lei a la sua socia “Dito nella piaga” l’hanno cantata proprio bene. Come meglio rovinare la puntata delle “Cover”, che, si legge, è stata un successo planetario?  Ed è proprio in quella serata che il passato ed il presente si sono meravigliosamente combinati ed ascoltati insieme, con i protagonisti di una volta, ormai settantenni o più come Morandi, Ranieri, Zanicchi, ancora sulle scene, ed i giovani che sono assolutamente all’altezza. Ma per noi italiani, e forse non solo, rovinare le nostre “eccellenze” come si dice, è una vera specialità!

Oggi “a tutto Sanremo”, con Mara Venier a condurre dall’Ariston la puntata di “Domenica in”, sempre amabilissima, con omaggi ad amici “vicini e lontani”, per rimanere in argomento ed è stato commovente il saluto di Amadeus a Vincenzo Mollica, ed ora , passate le 21 00, si continua il ripasso dei momenti salienti, con un “rumore” veramente coinvolgente e che fa compagnia a chi è solo!

Concludo con la parole di un sacerdote, mentre papa Francesco viene intervistato da Fabio Fazio, parole sul caso Lauro che ha animato-avvelenato, queste giornate:  Carmelo La Magra, ex parroco di Lampedusa, ora a Recalmuto (Agrigento), così si esprime: “Ma è possibile che tutta la cattolicità vi viene fuori quando canta Achille Lauro? Scandalizzatevi per altro e fatevela una risata ogni tanto! ….  La verità è che ci facciamo forti davanti a una canzone e quando siamo chiamati a fare scelte serie ci tiriamo indietro“.

 

Immagine: Foto da Rai It

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: