Cultura e Musica

Abbazia di Finalpia: ecco l’ interessante programma estivo

Come sempre molto ricco e interessante il programma estivo proposto dell’Abbazia di Finalpia retta dai padri benedettini e guidata dall’abate Romano Cecolin. Due in particolare le iniziative in programma, entrambe ospitate nella sala del primo chiostro: “I lunedì di Lectio divina” condotti da don Romano e “I mercoledì di riflessione” di suor Marisa. Saranno proprio questi ultimi, dal significativo titolo “Giù la maschera! – Dalla schiavitù al risveglio interiore. Ovvero: in che maniera “costruirsi” come persona”. Ecco il programma delle serate, tutte con inizio alle 21: 25 luglio “Lussuria”: sregolatezza e caduta del “desiderio”, l’amore dura, la lussuria nausea; rimedi: la via dell’identità e della tenerezza. 1° agosto, “la vita interiore”: pedagogia della vita spirituale, la terapia dei ‘pensieri’ e la “corposità” del “pensiero spirituale”, concretezza del cammino interiore.

Infine, mercoledì 8 agosto, “vivere integrati” : coltivare tutti gli aspetti dell’uomo, la cultura post-moderna e i fondamenti ontologici del mistero umano, il risveglio dell’IO interiore come antidoto all’alienazione, “costruirsi come persona”: verso l’essenziale. Come detto invece i lunedì, alle 21.30, toccherà alla Lectio divina dal titolo “Come ‘mangiare’ la Parola di Dio. Ecco il programma: 23 luglio «Ossa delle mie ossa … » Come costruire un rapporto personale; 30 luglio «Rinascere dall’alto» poter compiere le opere nostre operando “in Dio”; 6 agosto Cristo incarnato e risorto verità dell’uomo e rivelazione del Padre; 20 agosto La vera adorazione del Padre il culto in Spirito e Verità. I benedettini presentano così a turisti e residenti le proprie iniziative: “Il nostro saluto ed augurio si unisce al suggerimento perché il tempo estivo non sia solo evasione superficiale, ma tempo di riposo che favorisca un rapporto più sereno e fecondo con se stessi, con gli altri e con Dio – spiegano – la Chiesa è impegnata a sollecitare la promozione di una cultura del turismo etico e responsabile, rispettoso della dignità delle persone e dei popoli, accessibile a tutti, giusto, sostenibile ed ecologico. Tanti, purtroppo, sono coloro che per motivi economici o di salute non riescono a vivere un tempo di riposo adeguato: a loro va il nostro pensiero mia vicinanza ed incoraggiamento”. “Ai credenti auguriamo di potere usufruire delle loro ferie per sostenere la loro crescita umana e spirituale – aggiungono – questo è certamente un tempo opportuno per distendere il fisico ed anche per nutrire lo spirito attraverso spazi più ampi di preghiera e di meditazione, per crescere nel rapporto personale con Cristo”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: