Cultura e Musica

Ad Arnasco domenica il ricordo di Chiara Luce Badano

Un momento della messa dello scorso anno (Foto Daros)

ARNASCO- Si svolgerà domenica pomeriggio ad Arnasco, dove il suo ricordo rimane sempre vivo fra i fedeli, la commemorazione della luminosa figura della Beata sassellese Chiara Badano.
La Festa liturgica si svolgerà nell’ Oratorio di San Pantaleo, con inizio alle ore 15 e 30, nella frazione di Menosio (nella Foto Daros un momento della cerimonia dello scorso anno).
Ad officiare la Messa sarà quest’anno il Canonico della Cattedrale e Rettore del Seminario Enrico Gatti che è anche il Direttore dell’ Ufficio diocesano della Pastorale Scolastica. Animerà la celebrazione il coro del “Movimento dei Focolari”, di cui Chiara Luce faceva parte e che l’ha guidata nel suo cammino spirituale. Quest’anno si celebrano i dieci anni dalla beatificazione di Chiara ed i trent’anni dalla sua morte. Chiara “Luce” Badano era nata a Sassello, nel paese dell’entroterra savonese, dove è cresciuta ed ha conosciuto il movimento dei Focolari. Ad Albisola ed a Genova ha svolto attività nel movimento, occupandosi di bambini e di anziani. A Savona ha iniziato gli studi superiori, ma presto è stata colpita da un tremendo osteosarcoma osseo, che l’ha portata alla morte, a soli 19 anni, il 7 ottobre 1990. Un lungo processo di canonizzazione ha portato poi Chiara a Roma ad essere dichiarata Beata, il 25 settembre 2010, da Papa Benedetto XVI. Questa ragazza ha testimoniato fino a quanto la sofferenza accolta per amore della croce, possa trasformare una terribile malattia dalla tragedia più oscura alle vette dell’unione con Dio. La cittadina di Arnasco è legata da grande affetto verso la Beata Chiara che vi trascorreva i mesi estivi ospite dell’amica carissima Marita e la sua famiglia.
“A chi legge la biografia di Chiara – scrisse Monsignor Livio Maritano, Promotore della Causa di canonizzazione della beata- appare evidente la continuità dei valori che ha vissuto dalla fanciullezza all’adolescenza, alla maturità giovanile. Ed è palese la salda unità che riesce a stabilire tra le convinzioni di fede e i desideri, i sentimenti, le decisioni e gli atti. Vi riesce facendo in modo che, come insegna San Paolo (Gal.5,6), la sua fede si rende operosa per mezzo dell’amore. Tutto è radicato su una certezza irremovibile: quella di essere immensamente amata da Dio”. Al termine della S. Messa ci sarà l’ intervento del sindaco di Arnasco Matteo Mirone.
CLAUDIO ALMANZI

CLAUDIO ALMANZI
the authorCLAUDIO ALMANZI
Giornalista dal 1980 ha lavorato con Il Tempo di Roma, l' Ora di Palermo, Il Mattino di Napoli Il Secolo XIX di Genova (per 25 anni nelle Redazioni di Albenga e Savona) L' Avvenire (per oltre 20 anni per la Pagina Ponente Sette) Il Corriere Mercantile e con decine di testate cartacee ed on line. Ha diretto svariate testate giornali e bollettini professionali. Vive ad Albenga.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: