Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Addio a Paolo Villaggio: l’attore si è spento questa mattina a Roma

Paolo Villaggio si è spento alle 6.00 di questa mattina, all’età di 84 anni, dopo una malattia per la quale era ricoverato da inizio giugno presso la casa di cura privata Paideia di Roma. Dopo tante bufale circa la sua scomparsa, che più volte hanno tempestato la rete di fake news, purtroppo è arrivata la notizia vera e propria. A darne l’annuncio la figlia Elisabetta, con un post su Facebook corredato di una foto in bianco e nero del padre ed il saluto “Ciao papà, ora sei di nuovo libero di volare”.

Nato a Genova nel 1932, Villaggio inizia la sua carriera negli anni Cinquanta, come membro della compagnia teatrale goliardica Mario Baistrocchi, in qualità sia di attore che di autore dei testi di numerosi degli sketch rappresentati, per poi essere successivamente scoperto d Maurizio Costanzo, che lo invita ad esibirsi al Sette per Otto, un noto locale di Cabaret di Roma, dove ad assistere alla sua esibizione ci sono personaggi del calibro di Ugo Tognazzi ed Ennio Flaiano.

A portarlo alla ribalta però, tra le sue varie interpretazioni, sarà il suo personaggio per eccellenza: il ragionier Ugo Fantozzi, una maschera a metà tra l’inetto sveviano ed il teatro dell’assurdo che con le sue disavventure rappresentava un’ Italia all’apice del boom economico, nella quale però si delineava già in maniera netta il divario tra i datori di lavoro senza scrupoli e i poveri subalterni. A differenza di un qualunque personaggio di Svevo però, dopo le umiliazioni e le angherie di ogni sorta subite sulla propria pelle, il ragionier Fantozzi trovava sempre dentro di sé quella scintilla di coraggio che gli faceva alzare la testa e tirar fuori, almeno per un secondo, la sua voce; arcinota infatti è la scena in cui, dopo averne visto le scene decine di volte, trova il coraggio di definire la corazzata Potemkin “una cagata pazzesca”, un atto di coraggio che gli consegnerà una gloria di ben 92 minuti di applausi.

Le pellicole fantozziane, dieci in totale, hanno fatto ridere e riflettere diverse generazioni. La comicità di Villaggio, sempre condita da un ironia agrodolce, ha messo in scena le ipocrisie di una realtà che non si volevano vedere, anzi, si volevano celare dietro lo splendore degli anni del bengodi. Ora Fantozzi è davvero andato in paradiso e ad attenderlo ha trovato i suoi colleghi di sempre: il ragionier Filini (impersonato da Gigi Reder, scomparso nel 1998) e il geometra Calboni (interpretato da Giuseppe Anatrelli, scomparso invece nel 1981), con i quali potrà rivivere un’altra delle sue avventure all’Ippopotamo oppure, più concretamente, guardarci dall’alto mentre ancora ridiamo con le sue bizzarre ed indimenticabili imprese cinematografiche.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: