Cultura e Musica

Addio Franca Valeri

Quella voglia indomita di vivere.

Come Gianrico Tedeschi, anche Lei, Franca Valeri, pochi giorni  dopo aver raggiunto l’invidiabile” Boa”dei cento anni, si è spenta naturalmente, addormentandosi nel sonno, quasi a dire ” Avete visto? C’è l’ho fatta, ora posso anche salutarvi…”  Così una delle plu grandi interpreti del teatro italiano, versatile, intelligente e combattiva come poche, ha preso congedo da quella vita che tanto le aveva dato e da cui evidentemente, faceva fatica a distaccarsi. Ed è proprio questo il punto focale, l’essenza della mia riflessione:talvolta sembra quasi esista una “mission” da parte di questi temperamenti indomiti, nel voler beffarsi degli angusti confini biologici dell’esistenza, la cui fine viene da loro stessi continuamente procrastinata. Si tratta in fondo di un inno alla vita, che questi straordinari personaggi celebrano attraverso la solerzia, il dinamismo, la curiosità e quella tenacia che li spinge a non arrendersi mai, qualsiasi cosa accada. Talvolta questo irresistibile impulso di sopravvivenza avviene nel nome di un amore sconfinato per il proprio lavoro artistico e creativo, tal’altra  a causa della fervida volontà di non interrompere la propria esistenza, prima di aver concluso un percorso altruistico che possa essere di beneficio a un proprio familiare o al prossimo più in generale. Ed ecco perché magari di fronte a un genitore quasi centenario,  a qualcuno di noi viene il sospetto e la riconoscenza che la sua longevità sia in qualche modo voluta,  per allontanare il più possibile il momento in cui, attraverso una fisiologica separazione, saremo lasciati soli, deprivati delle nostre radici e mutilati di una così fondamentale parte di noi stessi.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: