Economia

Agricoltori in allarme: siccità e sale nei pozzi

Sono tutti con gli occhi al cielo gli agricoltori del Savonese, in attesa delle piogge estive che rappresentano l’unica speranza di poter scongiurare l’allarme siccità.  Secondo uno studio di Coldiretti, fatto a livello nazionale, la siccità ha già provocato perdite per 400 milioni di euro con decine di migliaia di ettari di granoturco bruciati, il crollo del 20 per cento nei raccolti di pomodoro e danni ad altre coltivazioni come il girasole e le bietole, oltre ad un drastico taglio della produzione di latte dovuta alle mucche sofferenti per il caldo.  Sul nostro territorio a risentirne sono soprattutto le colture dell’Albenganese e dell’entroterra. “I problemi più gravi sono nella fascia interna – dice Aldo Alberto della Cia –, sulla fascia costiera dell’Albenganese e della zona di Ceriale dove la concentrazione salina delle acque dei pozzi è salita notevolmente. La situazione non è ancora drammatica ma se non arrivano presto le piogge rischia di diventarlo”.

Preoccupazione anche tra gli associati di Confagricoltura. “Il problema in questi casi diventa l’alta concentrazione salina nella acque – spiega Massimo Rebella di Confagricoltura –, ma le piogge sono importanti anche per scongiurare eventuali incendi estivi, una piaga del nostro territorio e rischio anche per le colture”. Nelle valli interne risulta particolarmente danneggiato il secondo raccolto del fieno. “Nelle località dell’entroterra alcuni agricoltori e allevatori non hanno potuto fare il secondo raccolto del fieno a causa della siccità – dice Paolo Calcagno di Coldiretti –, mentre nelle zone più vicine al mare alcune colture di piante, come l’olivo, iniziano a dare i primi segni di sofferenza. Purtroppo durante l’inverno le nevicate sono state scarse e di questo risentono le sorgenti nel periodo estivo. Speriamo che le piogge annunciate contribuiscano a risolvere il problema”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: