Cultura e Musica

Al Chiabrera il nuovo appuntamento con “La Serva Padrona” e “Il Maestro di Cappella”

Questo weekend, sabato (ore 20.30), ci sarà il nuovo appuntamento con l’Opera Giocosa al teatro Chiabrera di Savona. Dopo “Telecamere su… Verdi”, talk show televisivo tra parole e musica di Roberto Iovino e Andrea Nicolini del mese scorso, la programmazione della serata è incentrata su due pillole buffe del settecento: “La Serva Padrona”di Giovanni Battista Pergolesi e “Il Maestro di Cappella” di Domenico Cimarosa. “La Serva Padrona” è un intermezzo in due parti, su testi di Gennarantonio Federico, prima esecuzione a Napoli il 5 settembre 1733. I protagonisti sono il nobile Uberto e i due servi, Serpina e Vespone (che però non parla). Serpina ha comportamenti irriverenti, di cui si duole il nobile, perché in cuor suo medita, nientemeno, che di sposarlo.

Uberto cerca di porre freno a tanta impertinenza, dicendo che farà venire in casa colei che saprà aiutarlo a farsi rispettare come si conviene: una moglie! La povera Serpina è costretta a bruciare le tappe e a mettere in atto uno stratagemma: pure lei si accaserà, e il futuro marito si chiama Capitan Tempesta (sotto le cui vesti si cela invece il servo Vespone, convinto dalle lusinghe di Serpina che se la aiuterà nell’inganno anche lui potrà comandare in casa). Ora Uberto comincia a conoscere le pene d’amore: ha ben presente che in quegli anni non ci si può legare sentimentalmente ad una serva, ma tant’è… Per di più, lei vuole presentargli il futuro marito, e Uberto non può rifiutarsi. La gelosia decolla. Poi, lo manda in bestia la richiesta di Capitan Tempesta riportata da Serpina: vorrebbe addirittura la dote, altrimenti niente matrimonio e toccherà a lui allora sposarla! Tra le minacce e l’amore che ormai sa di provare per Serpina, Uberto cede: convolerà a nozze con lei. Poi scopre l’inganno, ma ormai è troppo felice! E il lieto fine è assicurato. Del “Maestro di Cappella” non si conosce la data della prima esecuzione e neppure l’autore del libretto. L’operina comica ha un unico personaggio, il Maestro, che vorrebbe cantare un’aria da opera seria, ma gli strumentisti lo bloccano ad ogni istante, perché suonano a sproposito. Violini, flauti, corni, contrabbassi… lo faranno ammattire ma, anche qui, fino al lieto fine. L’Orchestra Sinfonica di Sanremo sarà diretta dal Direttore artistico della Giocosa, Maestro Giovanni Di Stefano. Sul palco: Barbara Bargnesi e Federico Longhi. La regia sarà del savonese Jacopo Marchisio (in foto, attore della compagnia dei “Cattivi Maestri”) al suo debutto operistico, scene a cura del Laboratorio della Giocosa, produzione e allestimento del nostro Teatro di Tradizione. Lo spettacolo per le scuole si terrà il giorno prima, venerdì 8, alle ore 10.30. Info: www.operagiocosa.it, tel. 019 8485974. La biglietteria resterà aperta tutti i giorni, ore 10-12 e 16-19, e un’ora prima dell’evento. Mezz’ora prima dello spettacolo si attiverà il last minute sui posti disponibili e non prenotati.

Laura Sergi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: