Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Al via Alassio “PinkBookWeekend”

Un avvio di estate nel segno della letteratura al femminile. Ad Alassio, perla di Ponente, tutto è pronto per una nuova rassegna letteraria al via il 24 e 25 giugno.
Il nome? Alassio “PinkBookWeekend” che racchiude la forza delle donne, la passione per i libri e, ovviamente, il fine settimana in cui va in scena. Si tratta di uno spin off del Festival della Cultura giunto alla quarta edizione, con il tema: Alassio Loves You (Alassio ti ama), un altro modo per rimanere in compagnia del Festival tutto l’anno e per ritrovare il piacere di tornare a incontrarsi in spensieratezza e finalmente senza distanziamenti.
Per questo, nella “città degli innamorati”, non può che essere nel segno dell’amore anche la kermesse Alassio “PinkBookWeekend” promossa e organizzata dal Comune di Alassio e con la direzione artistica di Isa Grassano, giornalista e scrittrice. Amore declinato in tutte le sue forme – da quello per le amiche, all’amore negato; da quello disincantato e sarcastico a quello per il proprio lavoro – seguendo le parole e il cuore di sei donne, nomi del giornalismo, del mondo scolastico e di quello Rai.
L’impegno a riportare l’attenzione sui libri, mescolando più voci, giocando trasversalmente con i vari generi (dai gialli alle poesie), richiamando appassionati di lettura e semplici curiosi.
Il primo appuntamento è per venerdì 24 giugno in piazza Partigiani, alle 21.30, con le prime tre scrittrici in un talk show moderato dalla direttrice artistica Isa Grassano. Con il sottofondo musicale delle onde del mare, in una cornice che innamora tutti gli sguardi, Giovanna Chiarilli, Elena Mearini e Federica Calabrese offriranno, attraverso i loro scritti, emozioni, riflessioni ma anche un po’ di leggerezza e sorrisi.
Giovanna Chiarilli con “C’era una volta un re” (Giraldi editore) si soffermerà sul legame forte dell’amicizia, forse la forma più pura dell’amore, con quattro ragazze pronte a sfidare il tempo e la distanza e il ritrovamento “casuale” del diario della maturità che porta a fare un tuffo nel passato e a regalare altre sfumature ai dolori e ai sogni.
Ne I passi di mia madre (Morellini) di Elena Mearini, un libro che tocca le corde del cuore, si fa un viaggio tra l’assenza dell’amore e la distrazione degli occhi, mentre con la raccolta di poesie Aritmia (Marco Saya edizioni), i battiti del cuore raccontano i saliscendi della vita.
Infine, Federica Calabrese, insegnante e terapista dell’età evolutiva, attraverso “La storia di Tommy” e “Ciao… Io sono Tommy! (Fabbrica dei Segni editore) metterà in evidenza la vicenda vera del piccolo bimbo – oggi di 9 anni – affetto da disprassia e di come l’amore e la cura possano innescare il processo di redenzione dal “buio” alla luce.
Sabato 25 giugno, sempre in piazza Partigiani, alle 21.30, il confronto, ancora una volta condotto da Isa Grassano, sarà tra Lucia Tilde Ingrosso, Eleonora Molisani e Margherita Gobbi.
Lucia Tilde Ingrosso racconterà “Anna Politkovskaja. Reporter per amore” – (Morellini), la storia della nota giornalista russa che amava il sole e il mare e che aveva svelato gli orrori del regime di Putin in Cecenia e che per zittirla è stata uccisa. Una biografia di tendenza in questo periodo di conflitto in Ucraina, costruita su una vicenda vera che intreccia poi l’eroismo ai sentimenti.
Nel giallo psicologico di Margherita Gobbi, “La spirale delle Vite Perdute” (Ianieri Edizioni) l’amore si ritrova in tanti ambiti e con varie sfaccettature. A partire dall’ispettore Grange che ama profondamente la sua terra, la Valle d’Aosta. Si parla anche di amori meno convenzionali come quello tra un uomo molto più anziano della sua compagna e delle dicerie che questo rapporto fa nascere nella piccola comunità valdostana. Ma forse, tra gli amori più indagati, c’è l’amore negato: quello di una madre nei confronti dei figli, un amore che non è capace di elargire.
Infine con Eleonora Molisani e Romanticidio (Neo edizioni), una raccolta di spoesie sull’amore e su altre disgrazie, si guarderà al mondo dei sentimenti dalla parte di quelle donne, e sono sempre di più, che si rifiutano di piangersi addosso, di controllare la spunta blu su whatsapp, di sognare che un principe azzurro le salvi.
«Un libro è la prova che gli esseri umani sono capaci di fare magie, come diceva Carl Sagan e anche Alassio “PinkBookWeekend” porta con sé la magia di generi diversi che s’intrecciano e contribuiscono ad affermare la centralità della perla del Ponente», dice Isa Grassano, il cui romanzo Un giorno sì un altro no (Giraldi editore) affronta, tra le altre tematiche, il ghosting in amore. «L’obiettivo è valorizzare la città, creare il coinvolgimento fra le persone, suscitare curiosità e con la forza delle donne siamo certe di riuscirci», conclude Grassano.
Le due serate, con il patrocinio e il sostegno del Comune di Alassio, sono a ingresso gratuito e senza prenotazione. In entrambi gli appuntamenti ci sarà il bookshop temporaneo della Libreria Book Stop di Alassio che metterà a disposizione i libri e le novità editoriali delle partecipanti alla kermesse letteraria.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: