Musica

Al via il 35° corso di speleologia

Nel corso dello scorso anno il Gruppo Speleologico Savonese, sezione del Dopolavoro Ferroviario di Savona, grazie al costante lavoro dei suoi soci, ha fatto alcune importanti scoperte nel territorio della Provincia di Savona, dopo aver portato a termine alcune ricerche nella zona del Monte Mao sopra Spotorno e nella parte alta del comune di Bardineto, ha scoperto ed esplorato alcune nuove e importanti cavità, tra cui, la maggiore si sviluppa per quasi un chilometro con una profondità di oltre 100 metri che gli esperti speleologi del gruppo devono ancora finire di esplorare completamente, potrebbe fornire importanti informazioni sul percorso che l’acqua compie dal colle del Melogno fino al centro di Bardineto.

Sulla scia di queste rilevanti esplorazioni dal 23 marzo al 27 aprile il Gruppo Speleologico Savonese organizza il 35° corso di speleologia quale Scuola di Savona e Alta val Bormida della Società Speleologica Italiana, col patrocinio di Provincia di Savona, Comune di Savona, Città di Finale Ligure, Comune di Dego. Attraverso i corsi di speleologia, giunti quest’anno alla trentacinquesima edizione, il GSS intende offrire a tutti i potenziali appassionati, l’oppor¬tunità di apprendere le nozioni tecniche e scientifiche necessarie per potersi muovere in totale sicurezza nell’ambiente ipogeo, e quindi trasformarsi in esplo¬ratori e geografi del sottosuolo. Fare speleologia, essere speleo¬logi, non significa solo “andare a visitare grotte”, bensì soprattutto “andare a cercare, esplorare, e documentare nuove grotte, nuovi ambienti sotterranei mai percorsi prima da alcun essere umano.” La speleologia è l’unica attività del tempo libero che permette contemporanea-mente di fare sport e ricerca scientifica; è inoltre un’attività di gruppo, che, non essendo agoni¬stica, permette di creare un affia¬tamento e una solidarietà tra le persone che la praticano difficilmente riscontrabile in altri am¬bienti. L’intento primario del corso è di formare nuovi speleologi che abbiano la voglia e l’entusiasmo di af¬fiancare gli esperti del GSS nell’attività di ricerca e docu¬mentazione di nuove grotte e dei territori carsici in generale.
Poiché il GSS è anche un’associazione culturale, con le lezioni teoriche del corso intende rivol¬gersi a chi vuole sempli¬cemente conoscere il fenomeno carsico, specialmente in pro¬vincia di Savona, e le problematiche connesse alla tutela degli acquiferi carsici (che alimentano parecchi acquedotti della nostra Provincia). Il corso è sud¬diviso in una parte teorica, con 9 lezioni-conferenze che si terranno tutti i venerdì sera, presso il Salone del Dopolavoro Ferroviario di Savona (Via Pirandello 10r, ac¬canto alla Stazione Ferroviaria) aperte alla libera e gratuita partecipazione di tutti gli interessati all’argomento. E in una parte pratico-appli¬cativa, con quattro esercitazioni nelle grotte e nei territori carsici più importanti del savonese che si terranno la domenica, per la cui partecipazione è ri¬chiesta una quota d’iscrizione. Venerdì 16 marzo alle ore 21 presso il salone del Dopolavoro Ferroviario a Savona in Via Pirandello, 10r ci sarà la presentazione, dove saranno proiettati alcuni filmati sulle grotte scoperte nel 2011 nel territorio savonese e gli istruttori risponderanno a tutte le domande su come e perché si va in grotta.
Si tratta di una delle iniziative che il Gruppo Speleologico Savonese (GSS) promuove quest’anno, infatti, è dal 1967 che il gruppo svolge attività di ricerca scientifica e di diffusione culturale in Provincia di Savona, con corsi, conferenze, proiezioni, visite guidate in grotta e nei sotterranei della fortezza di Savona il Priamàr, ecc. Altre informazioni si possono trovare sul sito internet www.gruppospeleosavonese.it oppure telefonando al diret¬tore del corso (Fabrizio – tel. 349.731.7211).

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: