Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀREGIONE

Al via il piano di riqualificazione di Marina Fiera Genova

Con un investimento complessivo del valore di 8,3 milioni di Euro, Porto Antico di Genova Spa si appresta a cambiare il volto di Marina Fiera Genova entro tre anni; il piano industriale, che ha condotto al rinnovo delle concessioni da parte dell’Autorità di Sistema Portuale per altri venticinque anni, fino al 2047, comprende una serie di interventi che aumenteranno il numero dei posti barca disponibili e la lunghezza media degli ormeggi. Tre sono i principali filoni di intervento sulla Marina Fiera Genova, di natura strutturale e funzionale: la riqualificazione della banchina F, quella posizionata più a est, l’inserimento di servizi, tra cui la nuova direzione del porto e la cambusa, dedicati alla darsena in strutture stabili ed il riordino funzionale del piano ormeggi, con un complesso percorso di spostamenti che ha il duplice obiettivo di ottimizzare la capacità della marina e di stabilizzarla in una configurazione a misura di Salone Nautico. Inoltre, sono calendarizzati lavori di manutenzione straordinaria che seguiranno l’evoluzione dello sviluppo del Waterfront di Levante e del progetto Torre Piloti, in un complesso ma certamente fruttuoso percorso di coordinamento delle varie iniziative; sono stati avviati i lavori di riqualificazione con l’eliminazione dei pontili mobili, che troveranno collocazione alternativa nel complesso, le bonifiche di fondo, lo spianamento del fondale su un fronte di oltre 70 metri ed è in corso la realizzazione degli elementi in calcestruzzo che comporranno la serraglia di banchina. L’esecuzione dei lavori è stata affidata a CMCI Scarl, impresa aderente al Consorzio Integra, già operativa nel canale del Waterfront, che si è aggiudicata l’appalto del valore di un milione e mezzo e ha sviluppato in regime di appalto integrato anche la progettazione esecutiva; i lavori, coordinati da Porto Antico di Genova Spa, sono diretti dal RINA che ne cura anche i profili di sicurezza cantiere. Ad accompagnare Marina Fiera Genova nel suo percorso di sviluppo e trasformazione si è affiancata North Sails come technical partner; proprio North Sails, la veleria americana fondata nel 1957, con 150 loft in tutto il mondo e fornitore privilegiato di tutte le regate più importanti del pianeta, dalla Coppa America alla Ocean Race, ha scelto Genova per la realizzazione del suo nuovo sito di produzione.

“Ringrazio tutti i presenti e le autorità dicendo che Porto Antico è una società per azioni con una totale partecipazione pubblica”, dichiara Mauro Ferrando, presidente di Porto Antico spa, “ed i soci sono : il comune di Genova, la regione con Filse, la Camera di Commercio e l’Autorità Portuale. E’fondamentale continuare questo percorso virtuoso ed il Waterfront, famoso in tutta Europa, risponde alle esigenze moderne; l’opera ha in sè diverse esigenze ed i gestori della Darsena puntano ad un livello alto come avere le banchine per i megayacht. Uno degli obiettivi è quello di rendere la banchina efficiente e Confindustria Nautica, uno dei nostri partner, ha chiesto tutto questo per esigenze legate al Salone Nautico e all’Ocean Race; l’area è armonizzata con altri progetti tra cui la Torre Piloti e le residenze. E’bello mostrare una grande opera presso quest’area nella quale ci saranno investimenti per 8 milioni”.

Stessa soddisfazione da parte di Pietro Piciocchi, vicesindaco di Genova :”Questo intervento permette di agevolare la realizzazione del Salone Nautico e questa banchina sarà la prosecuzione della parte realizzata da Amico; lavoriamo in sinergia ma è difficile perchè nell’area ci sono cantieri diversi di molteplici soggetti pubblici e privati come il Porto Antico, il comune e l’Autorità Portuale. I nostri obiettivi sono l’Ocean Race ed il Salone Nautico 2023 quando ci saranno le banchine pronte e quest’area sarà un luogo vivo come vuole Renzo Piano; saranno presenti diverse funzioni tra cui la parte residenziale, gli uffici, lo sport ed il tempo libero. I parchi saranno fruibili da tutti per una superficie di 16000 metri quadri e 4000 alberi; tutto ciò è legato all’area del Porto Antico e alla pista ciclabile che vorremmo estendere da Boccadasse alla Lanterna. Presso Piazzale Kennedy avremo un parcheggio interrato che prevede dai 600 agli 800 posti senza dimenticare gli 800 sotto il palasport e mi sento di dire che i comuni hanno accolto bene la sfida del PNRR; tutto ciò è la prova che i lavori procedono bene e questo cantiere è molto importante perchè legato al Salone Nautico ed al villaggio dell’Ocean Race. Sono contento di questo evento poichè è un importante vetrina internazionale e l’area proietterà Genova nel mondo anche per la firma di Renzo Piano; il parco urbano che sorgerà qui sarà il più grande del centro cittadino e andrà da Piazza Kennedy a Corso Italia. Tutto sarà finito nel 2024 e siamo contenti di cosa ci sarà visto che sono molteplici i soggetti coinvolti”.

“La nuova banchina che ospiterà l’Ocean Race è il simbolo della trasformazione dell’area ma non dobbiamo dimenticare il recupero del Palazzetto dello Sport e la riqualificazione di Renzo Piano che porterà ad un aumento dei posti barca ma anche delle aree dedicate al refitting”, prosegue il presidente della regione Giovanni Toti, “facendo crescere e rinnovare la città. Tra il 2024 e il 2025 avremo un nuovo quartiere ed i canali d’acqua molto importanti per Piano; ci sarà un pezzo di mare in più per la città e sono stati fatti decreti per assorbire i costi extra ma 1,5 miliardi dovrebbero essere sufficienti per proseguire i lavori. Rivolgo i miei complimenti al vicesindaco Piciocchi che ha seguito la procedura senza dimenticare Porto Antico spa che gestisce la struttura della Fiera; tutto questo ha avuto grandi difficoltà dovute alla pandemia ma abbiamo lavorato bene. Tutto ciò è un simbolo di ripartenza e siamo giunti a un momento in cui il territorio cambia; proprio qui ci saranno cambiamenti importanti e questo sarà il quartiere simbolo della ripartenza. Nel 2015 l’Ente Fiera era in liquidazione ma tutto questo chiude un’epoca; il Waterfront unito cambia il rapporto con il mare e la Liguria sarà la regina d’Italia per posti barca e produzione nei cantieri. Questo cantiere è un simbolo positivo e di positività e la banchina guarda al futuro; ci sono difficoltà per questo ed altri cantieri ma occorre investire per essere pronti quando si riparte. Ringrazio tutti ma soprattutto chi lavora”.

“Nel 1992 a Genova è stato creato il Porto Antico e da lì nasce la vocazione turistica della città che è decollata”, afferma il segretario generale della Camera di Commercio Maurizio Caviglia, “e i quattro soci del Porto Antico, comune, regione, Camera di Commercio e Autorità Portuale, lavorano insieme con lo stesso obiettivo. E’necessario unire queste aree al Porto Antico e portare i turisti qui; è fondamentale che quest’area abbia una vocazione nautica”.

“Quest’area può diventare un importante biglietto da visita per lo sport anche perchè nel 2023 avremo l’arrivo dell’Ocean Race e l’anno successivo Genova sarà Capitale Europea dello Sport”, sottolinea l’assessore regionale allo sport Simona Ferro, “ricordando che abbiamo candidato per il 2025 la Liguria come Regione Europea dello Sport. Questa è un’area bella e ricettiva e le tante aspettative non saranno deluse”.

“Ringrazio Mauro Ferrando e le istituzioni presenti dicendo che questa è un’importante sfida per far crescere il Salone Nautico”, commenta Alessandro Campagna, Direttore commerciale de I Saloni Nautici, “e la nuova banchina ci permette di ospitare buyer importanti del settore. Quest’area renderà Genova protagonista della nautica internazionale e tutto ciò sarà un’importante occasione di crescita per tutti”.

“L’Ocean Race è una regata che dura sei mesi e tocca otto città”, evidenzia Luca Di Liberto,  Steering Committee Ocean Race – The Grand Finale, “portando con sè grandi difficoltà. Gli equipaggi saranno contenti di arrivare a Genova e ringrazio chi lavora portando risultati importanti senza dimenticare il Porto Antico; il prossimo anno avremo circa 350.000 persone in 10 giorni presenti nell’area”.

“Ringrazio Mauro Ferrando dicendo che sono genovese ma rappresento un’azienda statunitense”, ricorda Alessio Razeto, Sales Manager North Sails, “e c’è un grande fermento per il mare e la nautica visto che abbiamo un legame importante con il Porto Antico. Abbiamo fatto le procedure necessarie per portare la nostra sede in Italia proprio a Genova e ringrazio il sindaco Bucci e tutte le associazioni che hanno creduto in noi; questo fermento positivo ci fa ben sperare dopo anni duri e voglio dire che il mare è una risorsa importante”.

“Sono stati realizzati importanti interventi sul canale e canaletto”, asserisce Carlo Cocchi, Direttore tecnico CMCI, “e si prevede una banchina di 72 metri e 5,5 di profondità. Ci saranno dieci posti da 28 metri ed è necessario rendere quest’area fruibile al più presto; stiamo cercando soluzioni per risolvere il problema dell’approvvigionamento dei materiali”.

“Ringrazio la Capitaneria di Porto per cosa fa ed i rappresentanti dell’azienda Amico; l’area è unica e questo è una sorta di secondo Waterfront che ha il Porto Antico. Sono orgoglioso di tutto ciò ma soprattutto di vedere la crescita della società”, conclude il presidente Ferrando.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: