Attualità

Albenga, inaugurati tre nuovi mezzi della Croce Bianca

Sono stati inaugurati, alla presenza del sindaco Riccardo Tomatis, dei membri dell’amministrazione comunale, dei sindaci del comprensorio, del Vescovo della Diocesi Albenga-Imperia Monsignor Borghetti, dei vertici ANPAS e di numerosi cittadini, tre nuovi mezzi della Croce Bianca : un Fiat Ducato trasformato in ambulanza di soccorso, acquistato grazie all’azienda Fitimex, alla Fondazione A. De Mari ed alla popolazione; una Ford Focus, acquistata grazie a Luciano Basso e Giorgio Cangiano; una Ford Fiesta, acquistata grazie a Laura, Lionella e Nicoletta; un defibrillatore semiautomatico, acquistato grazie a Daniel Moretto e “I Carlin”.

“Oggi è un bel giorno e tiriamo le somme di questo momento storico”, dichiara Dino Ardoino, presidente della Croce Bianca di Albenga, “che è stato molto duro per tutti noi. E’ stato difficile non farsi travolgere dagli eventi e per trovare gli strumenti di protezione abbiamo fatto un appello alla città e all’entroterra ma è partita fin da subito una gara di solidarietà enorme che forse si è avuta solamente nel lontano 1947 con la Tragedia dell’Annamaria. Anche se sono stati momenti difficili nessun milite si è ammalato; per due mesi e mezzo tutti ci hanno aiutato ma voglio ringraziare particolarmente due attività commerciali che ci hanno consegnato quotidianamente cibo, Rica Roka e Sotto il. Rivolgo un sincero grazie anche alle aziende, associazioni ed istituzioni che non ci hanno lasciati soli senza dimenticare la Fondazione De Mari che ha stanziato 100.000 euro per le pubbliche assistenze, Giorgio Cangiano, il notaio Basso, Lionella Pastor e Nicoletta Ravera. La nuova ambulanza ne sostituisce una che aveva 20 anni e questi nuovi mezzi non sono un traguardo ma una tappa della nostra storia poichè danno un servizio a chi ne ha più bisogno; noi ci siamo e non vogliamo che altre figure sostituiscano i volontari anche perchè ce l’abbiamo fatta insieme alla collettività”.

Stessa soddisfazione da parte del sindaco Riccardo Tomatis :”Saluto i presenti e ringraziando Dino per il suo bellissimo discorso. Nella nostra gente c’è la passione che solo lui sa trasmettere e mi piace molto vedere che tra i militi siano molti i giovani; ho affrontato questo momento da sindaco e da medico e la Croce Bianca ha fatto il suo lavoro ma mi rende orgoglioso pensare che sulle ambulanze ci fossero ragazzi più o meno giovani. Molti ristoratori ed associazioni culturali ci hanno aiutato donando cibo e denaro e tutto ciò mi riempie di orgoglio; la parola chiave è coraggio e sono convinto che il virus ci abbia cambiati rendendoci migliori. Questa è una cosa importante e durante la pandemia i mezzi sono stati sanificati moltissime volte portandoli ad una rapida usura con necessità di sostituirli. Tutti hanno aiutato come hanno potuto e sono orgoglioso della città che amministro; da medico voglio dire che per l’autunno bisogna mantenere alcune accortezze come lavarsi le mani, seguire la distanza di sicurezza, indossare la mascherina nei luoghi chiusi e affollati per evitare di prevenire le ricadute”.

“Questo è un momento importante e la Croce Bianca merita una giornata del genere”, afferma il presidente regionale ANPAS Lorenzo Risso, “ma è importante avere una rete di pubbliche assistenze. Abbiamo circa 180 sedi in tutta la regione e per noi quella del Covid è stata una situazione nuova ma ora siamo preparati. Facciamo appello per ricevere sistemi di protezione individuale perchè la regione ce ne fornisce pochi e le precauzioni sono state ben investite tanto che tra i volontari c’è stato un solo morto e pochi sono stati i contagiati”.

“Ringrazio per l’invito dicendo che questo è un bel momento”, sottolinea il Vescovo Borghetti, “e sono orgoglioso della diocesi. Andrà tutto bene era il motto di una mistica inglese del 1300, Giuliana di Norwick, che ricevette queste parole da Gesù e mi sento di dire che il motto ha in sè qualcosa di duraturo”.

“Il servizio della Croce Bianca è un’eccellenza ed un valore aggiunto per la nostra comunità”, evidenzia l’assessore alle politiche sociali del comune di Albenga Simona Vespo, “di cui non possiamo farne a meno. Mi piace molto il fatto che ci sia un’ambulanza in più per questo servizio che è fondamentale per tutti noi”.

“I nostri militi usano da sempre la gentilezza, il sorriso e l’umanità in un modo fuori dal comune e tutto ciò ci ha permesso di portare avanti, durante l’emergenza Covid, progetti importanti per aiutare chi è in difficoltà”, conclude la consigliera Martina Isoleri.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: