AttualitàPolitica

Albenga, Matteo Salvini intitola la sede della Lega a Rosy Guarnieri

Si è tenuta, alla presenza del leader della Lega Matteo Salvini, dei parlamentari del territorio, dei membri della sezione della Lega di Albenga e di centinaia di militanti e sostenitori, la cerimonia d’intitolazione della sede della Lega albenganese a Rosy Guarnieri, sindaco della città dal 2010 al 2013, eletta Onorevole il 4 marzo 2018 e deceduta l’11 marzo dello stesso anno a 66 anni.

“Saluto tutti dicendo che i presenti ricordano una donna dalla grande integrità”, dichiara Cristina Porro, segretario della Lega di Albenga, “amata dagli alleati, stimata dagli avversari ed un politico corretto e coerente che ha sempre lavorato nell’interesse della città. Per me è un onore avere qui Matteo Salvini, un amico di Rosy, che a Pontida ci ha promesso di essere presente e lui rispetta le promesse”.

Stessa soddisfazione e commozione da parte del Senatore Francesco Bruzzone :”Saluto i presenti e voglio dire che Cristina è stata brava ad inquadrare il significato del momento ed essere qui significa essere attaccati ad un’idea politica. Rosy ha lasciato tanto a tutti noi, ci ha insegnato tanto e sogno un rilancio per il futuro portando avanti le idee del fare bene e della trasparenza; la politica del fare bene, stare tra la gente e la voglia di confronto sono le caratteristiche principali del nostro movimento e siamo arrivati fin qui con esperienze importanti. L’esperienza più importante è quella della Lega all’interno di regione Liguria per la quale occorre continuità ed il voto regionale ha un significato politico anche nazionale; l’attuale Governo statale è attaccato alle poltrone e noi abbiamo dimostrato che se ci viene impedito di portare avanti il nostro programma elettorale ed i nostri ideali molliamo le poltrone. Il Governo attuale non ha ideali, linee, obiettivi ma possiede solo l’attaccamento alla poltrona e noi liguri siamo fortunati ad avere la possibilità di andare a votare per dire come la pensiamo. Tutti noi dobbiamo impegnarci al massimo per la campagna elettorale e dimostrare i nostri ideali e valori”.

“Ringrazio tutti coloro che sono qui e voglio dire che sono legato ad Albenga per il ricordo di Rosy che ci aiuta da lassù per la battaglia dell’ospedale e proprio con lei ho visitato questa struttura; tra circa un mese e mezzo possiamo ricordare con il nostro voto tutti coloro che ci aiutano anche da lassù. La Liguria ha bisogno di turisti paganti e non a pagamento e spero che le 12 milioni di cartelle esattoriali che il Governo vuole inviare nel prossimo autunno vengano distrutte e se non sarà così siamo pronti alle barricate. La creazione del nuovo ponte di Genova dimostra cosa si può fare senza aspettare aiuti esterni e Genova ha dimostrato cosa la Liguria e l’Italia sono in grado di realizzare e voglio ringraziare il sindaco Bucci, il governatore Toti e tutti gli operai; la Lega, in questo caso, ha permesso di azzerare il codice degli appalti dando pieni poteri al sindaco e commissario Bucci ma occorre che qualcuno paghi. Mai avrei pensato di andare a processo per aver fatto il mio dovere ed il 3 ottobre, al Tribunale di Catania, dev’esserci la festa della libertà dell’Italia poichè i confini  si difendono e le idee non si processano ma voglio ricordare che a luglio 2019 gli sbarchi erano solo 1000 mentre a luglio di quest’anno sono stati più di 7000. Il presidente del consiglio comunale di Lampedusa mi ha detto che nella struttura per accogliere gli sbarcati ci sono 160 posti ma ad oggi sono presenti più di 1400 persone e tra di loro ci sono soprattutto 20-30enni muscolosi e non anziani, disabili e bambini; per ovviare a questo problema il Ministro dell’Interno ha deciso di affittare navi da crociera per ospitare questa gente invece che chiudere i confini e mandare tutti indietro. Il problema non è il colore della pelle ma occorre integrarsi ed essere persone perbene perchè io rispetto gli altri ma pretendo di essere rispettato. Il 20 e 21 settembre voi liguri avete un’occasione importante, andare a votare, perchè questo diritto sembra ormai un lusso ed i liguri possono dare una grande lezione di democrazia facendo tornare la regione ad essere una delle più importanti in Italia. I governi precedenti hanno regalato pezzi di Mar Ligure ai francesi ed in cambio si ricevevano i clandestini a Ventimiglia ma più vengo attaccato più ho voglia di combattere. Se torna la Legge Fornero ci saranno battaglie da parte mia perchè non si scherza con il lavoro e non ho parole riguardo alla ministra Azzolina che pensa ai banchi con le rotelle quando ci sono 200.000 insegnanti precari, 85.000 cattedre scoperte e mancano i soldi per sistemare le strutture scolastiche; la scuola è un tema serio e bisogna usare la testa. Un’altra cosa che non condivido è la presenza dei militari sulle spiagge quando migliaia di balordi sbarcano per l’Italia e non sono rintracciabili. Spero che le cose possano cambiare e ringrazio tutti”, conclude il segretario della Lega Matteo Salvini.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: