Attualità

Albergatori contro meteo e anticipo delle scuole

Sono calate del 10-15% le presenze turistiche nel territorio savonese nell’estate che sta per concludersi. I dati non sono ancora ufficiali ma rispecchiano – con un lieve miglioramento – il calo a livello nazionale, stimato tra il 15 e il 20%. Non sono solo le presenze a ridursi ma anche i giorni di permanenza nella località di vacanza.
L’Osservatorio turistico regionale non ha ancora elaborato i dati dei mesi estivi, ma analizzando il mese di maggio, inizio della stagione, i numeri non sono incoraggianti.

A maggio, nella provincia di Savona gli arrivi nelle strutture alberghiere sono calate del 14,5%; Savona viene dopo la provincia di La Spezia (-17,73%) e prima di quella di Genova (-10,13%). A sorridere a maggio sono stati solo gli imperiesi che hanno registrato un +2,63% degli arrivi. “Naturalmente non è ancora possibile disporre di dati significativi, ma il calo c’è stato e si è fatto sentire – dichiara Franca Cappelluto, presidente dell’Unione Provinciale Albergatori della provincia di Savona –; si sono ridotti gli arrivi e i tempi di permanenza. Il bel tempo delle settimane centrali di agosto non è bastato a farci recuperare mesi negativi come maggio, o giugno, caratterizzato da pioggia e brutto tempo, e luglio. Avevamo delle prenotazioni significative per la prima settimana di settembre ma dopo il bombardamento dei bollettini meteo avversi e le prime gocce di pioggia sono arrivate le disdette. Oltrettutto le previsioni sbagliate hanno arrecato ulteriori danni”. 
Non aiuta neppure il fatto che ad un inizio delle scuole il 17 settembre, in Liguria, si contrapponga un’altra data nei vicini Piemonte e Lombardia, quella del 12. Non sono pochi i turisti che, in tempo di crisi, scelgono la bassa stagione come periodo ideale per fare le vacanze e spendere meno, ma questo avvio delle scuole in date differenziate e anticipate fa calare anche questo numero di potenziali clienti
“E’ una questione sulla quale dibattiamo da tempo e alla quale non siamo riusciti ancora a trovare una soluzione – conclude Franca Cappelluto – i lombardi e i piemontesi partono l’8 o il 9 in previsione dell’inizio delle scuole ed è un’altra settimana persa per noi”.
Unico dato positivo sono le presenze straniere che tengono pur non essendo sufficienti a colmare il vuoto lasciato dai turisti italiani. A preferire la Riviera e l’entroterra savonese sono soprattutto tedeschi, olandesi svizzeri, ai quali si aggiungono, a luglio, i nordici. In alcune località sono si stanno inoltre affacciando i russi.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: