Politica

Albissola Marina: interrogazione di Luigi Silvestro sull’IMU

Qual’è l’orientamento della Civica Amministrazione sulla percentuale di aliquota IMU da adottare nel Comune di Albissola Marina?  Dato il momento di recessione economica, il Comune ha il dovere di di astenersi da eventuali tentazioni di “fare cassa” attraverso l’IMU e di adoperarsi invece per attenuare la pressione fiscale sui propri concittadini . Silvestro presenta interrogazione/proposta per chiedere di difedere dal salasso IMU, le famiglie albissolesi e le piccole imprese locali del commercio-artigianato e turistiche, applicando aliquote minime.

Risale al 4 aprile scorso l’approvazione degli emendamenti al decreto semplificazione da parte delle Commissioni Bilancio e Finanze del Senato che stabilisce quelle che sono le scadenze, le modalità di pagamento ed il calcolo delle aliquote relative all’IMU. Altri aggiustamenti normativi verranno adottati dal Parlamento nei prossimi giorni. Secondo quanto si apprende dalle ultime notizie e dagli emendamenti già approvati, il pagamento dell’IMU per il 2012 dovrebbe avvenire in tre diverse tranche. Per quanto riguarda la prima rata, questa sarà con le aliquote base, in quanto molti Comuni italiani ( Albissola Marina è tra questi ) non hanno saputo definire in tempo per il versamento dell’acconto, le eventuali diminuzioni o aumenti da applicare a questa nuova tassa municipale; le aliquote standard sono le seguenti:
– 4 per mille per la casa principale (ovvero in cui una persona/famiglia ha la propria residenza), calcolato sulla rendita catastale originale, ma rivalutata del 5% e moltiplicata per 160. Dalla somma così ottenuta, occorre detrarre 200 euro, più 50 euro per ogni figlio di età inferiore ai 26 anni con residenza nella casa principale.
– 7.6 per mille per tutti gli altri immobili, senza nessuna detrazione aggiuntiva. Per quanto riguarda la base imponibile, questa dipende da che tipologia di immobile si tratta: per i box e per le case uguale a quella calcolata per l’abitazione principale; nel caso di negozi si aggiunge una rivalutazione del 5% e si moltiplica per 55; nel caso di uffici si aggiunge una rivalutazione del 5% e si moltiplica per 80.
– 2 per mille per quelli strumentali per attività agricole.
Per quanto riguarda le tempistiche definitive, l’esecutivo definirà le normative corrette entro la fine dell’estate, mentre i Comuni avranno tempo entro il 30 settembre per poter deliberare;
il Governo, infatti, ha deciso che i diversi Comuni italiani potranno modificare in basso od in alto le aliquote secondo i seguenti parametri:
– dallo 0.2 % allo 0.6 % per le abitazioni principali;
– dallo 0.46 % all’1.06 % per tutti gli altri immobili.
Quanto sopra premesso, in capo al Comune è intestata la potestà di decidere l’ammontare del salasso dell’IMU che potrà variare sensibilmente sia in un verso che nell’altro.
Il pagamento delle aliquote è previsto, per legge, per tutti i proprietari di immobili, nonché per i possessori di diritti reali, mentre tutti gli affittuari non sono tenuti al pagamento dell’IMU, ma temiamo che una eventuale tassazione IMU elevata dal Comune troppo verso le aliquote massime, costringa i proprietari delle abitazioni locate a riversare sugli affittuari almeno parte, se non tutto, di tale aumento .
Ritenuto che, in questo periodo di particolare difficoltà economica per le famiglie e per le piccolo imprese locali del commercio, dell’artigianato e del turismo, il Comune ha il dovere di astenersi dall’eventuale tentazione di “fare cassa” attraverso l’IMU, e difendere invece il potere di acquisto degli albissolesi, attenuando la pressione fiscale su i propri cittadini ed imprese turistico-commerciali e industriali, imposta da questa ennesima nuova manovra finanziaria;
Per tali motivi, ho depositato una interrogazione/proposta al Sindaco, per chiedere di abbassare secondo le previsioni di legge, la nuova imposta municipale denominata IMU, applicando le aliquote minime previste, sia per la prima casa, sia per tutte le altre abitazioni purchè regolarmente affittate o date in comodato gratuito ai figli o nipoti, che per gli immobili delle nostre piccole imprese del commercio-artigianato e turistiche .
Mi auguro un parere positivo del Sindaco e della Giunta comunale.

Luigi Silvestro (capogruppo Nuova Rotta)

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: