Please assign a menu to the primary menu location under menu

CULTURA

ALLA GALLERIA SATURA “LA MAGIA DELLE RELAZIONI” NELL’ARTE DI VERONIQUE MASSENET

“Relazioni che s’intrecciano” è il titolo della personale di Véronique Massenet, che si tiene alla Galleria Satura di Genova dal 2 aprile al 7 maggio. Un titolo che entra subito nell’essenza dell’opera di quest’artista di origine francese, ma ormai ligure d’adozione. Le sue affascinanti, uniche creazioni nascono, infatti, in uno degli angoli magici della nostra regione, proprio di fronte all’isola di Bergeggi.

Tornando all’icastico titolo della mostra, le opere della Massenet, che conquistano e intrigano per la loro forza evocativa, sottendono una ben precisa filosofia della loro autrice, legata alle relazioni fra gli elementi, che non possono non farci pensare ai rapporti umani. Per la scultrice, il cui materiale prediletto è il legno, da un tronco può svilupparsi un’autentica teoria di combinazioni, che conducono a legami e divisioni, a incontri e separazioni. Per narrare, in maniera informale, e forse proprio per questo di maggiore suggestione, le storie da lei immaginate, gli elementi magicamente usciti dal legno si compongono e si scompongono, divenendo altro.

Alla base del lavoro della Massenet sta una filosofia e il bisogno di raccontare una storia, facendo interagire gli elementi in una sorta di silenzioso, espressivo teatro. Per questo le sue sorprendenti sculture non sono massicce e rinchiuse in se stesse, ma si aprono all’esterno, scandendosi in diversi elementi che, come in una pièce teatrale, possono disperdersi in vario modo e formare sempre nuove combinazioni sul palcoscenico della vita. Non a caso l’artista nelle sue riflessioni segnala, che essi “si formano per danzare insieme” e che “la trasformazione dona a ciascuno il proprio ruolo”. Avendo rinunciato alla figurazione, l’autrice trasmette icasticamente linee e struttura della figura umana, cogliendo gesti e atteggiamenti, trasformati in intime unioni e in sensuali abbracci.

La scultrice da sempre predilige il legno, in esso percepisce l’anima, la vita da cui era pervaso prima che la linfa cessasse di scorrere e il tronco di abete e di larice, di pino e di bosso, di olivo e di quercia, venisse tagliato, continuando ad irradiare un’impercettibile forza vitale. Véronique Massenet è sensibile anche nello scegliere i pezzi, essendo in grado di carpirne l’umore segreto e di decifrarne le linee-guida, solo a lei visibili. Poi, nella materia grezza, con i suoi anelli e i segni lasciati dal tempo, cerca di innestare una propria visione della vita con creazioni ogni volta diverse e irripetibili. Il contatto amoroso con il tronco ancora impregnato di umori e profumato di resina, costituisce solo l’inizio di un’avventura, in cui tutto può accadere. Non si tratta di cedere all’impulso e di cercare di trarre dalla materia grezza una figura, una forma che diventi altro da esso, un puro oggetto decorativo. Il ritmo regna sovrano nelle sue composizioni, scandendo vecchie e nuove armonie, scaturite con naturalezza dal legno. Questo materiale viene affrontato dalla Massenet come un maestro di altri tempi, con sgorbie e scalpelli per sbozzare e levigare e, talvolta, è dipinto e bruciato per evidenziarne la segreta trama.

Tracciati ritmici si svolgono anche nei lavori digitali, stampati su carta di riso e montati su vari supporti, a cui da qualche anno l’artista si dedica parallelamente alla scultura. Fotografando le proprie opere nelle varie fasi, nei loro diversi aspetti, lavorandole, sovrapponendole e cancellandole al computer, la scultrice soddisfa l’irrinunciabile esigenza di mostrare il complesso percorso vitale di quanto crea, di renderne manifesta l’intima e non a tutti visibile struttura. Così, come nell’onirico “La porta dei sogni”, Véronique Massenet ci fa varcare la soglia per entrare in un mondo piendo di suggestioni che, da soli, non avremmo saputo scoprire.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: