Cronaca

Allarme edilizia: cancellati dalla crisi mille operai e 250 imprese

Il quadro congiunturale che fotografa l’andamento del settore edile in provincia di Savona manifesta indicatori fortemente negativi. Lo ha certificato, nella sua relazione davanti all’assemblea annuale dei costruttori, il presidente di Ance Savona, la Sezione Edili dell’Unione Industriali, Elio Guglielmelli (nella foto).“In cinque anni – ha sottolineato- , abbiamo perso il 25% delle imprese con dipendenti, dei lavoratori e delle ore lavorate, e il primo trimestre 2012 sembra andare peggio.

Un quarto della nostra economia, della nostra struttura imprenditoriale è andato in fumo: 250 aziende, alcune delle quali storiche, 1.000 lavoratori, di cui 550 sono andati a rinforzare lo spettrale esercito dei lavoratori ‘autonomi’, buona parte dei quali opera al di fuori delle regole, ignorati dal sistema”.Esaminando i valori relativi all’edilizia privata, nel 2011 si è registrato un ulteriore calo del 4,4% rispetto all’anno precedente in termini di volume sui permessi di costruire per fabbricati residenziali, che si aggiunge al crollo del 67% dello scorso anno. Nel quadriennio 2008–2011 si è passati da 350 mila mc a 76.600, cioè poco più di un quinto.A parlare, sono i numeri. Nel 2002 le imprese iscritte alla Camera di commercio erano 4.454; sono salite a 5.617 nel 2007 (ultimo anno pre-crisi) per aumentare anche negli anni della depressione, raggiungendo quota 6.174 nel 2011. Ma si tratta di imprese in larghissima parte individuali, senza dipendenti. Infatti nel 2002 le imprese strutturate, cioè iscritte alla Cassa Edile, erano 706; sono poi salite fino ad un massimo di 958 nel 2007, per ridimensionarsi a quota 750 nel 2011. Parallelamente, gli operai sono passati dai 2.970 del 2002 ai 3.930 del 2007, per ridiscendere a 2.939 lo scorso anno. L’attività è passata dalle 4 milioni 594 mila ore lavorate del 2002 alle 5 milioni 874 mila ore del 2007 e alle 4 milioni 669 mila ore del 2011.Le licenze di costruzione rilasciate sono scese nel comparto residenziale da 323 (2007) a 163 (2011), mentre i volumi costruttivi autorizzati si sono ridimensionati da 246 mila metri cubi (2007) a 77 mila mc (2011); nel comparto non residenziale i permessi a costruire sono aumentati da 47 (2007) a 51 (2011), ma i volumi sono precipitati da 596 mila mc a 229 mila mc.Infine gli appalti di opere pubbliche. Escludendo dal computo i “megappalti” (che sono fuori dalla portata delle imprese locali) e le procedure negoziate, nel 2007 in provincia di Savona erano state appaltate opere per 107 milioni di euro, a fronte dei soli 43 milioni appaltati nel 2011.    “Eppure la forza di inerzia del cervello di massa continua a parlare di inesistenti colate di cemento – ha osservato Guglielmelli -. Questa sembra essere la nuova lotta di classe da parte di comitati, intellettuali, massmedia, e, pronti a assecondare, politici e amministratori pubblici. Il dato, drammatico, risulta confermato dalla diminuzione del 70% dei volumi dei fabbricati non residenziali, quelli cioè destinati alla produzione e ai servizi. Non è migliore il quadro riferito agli appalti di opere pubbliche. In otto anni il mercato si è ridotto a un quarto, passando da quasi 160 milioni di euro a 43 milioni. La riduzione del mercato non basta. Le imprese che hanno ancora voglia di cimentarsi con gare che hanno assunto la forma di un sorteggio, in caso di aggiudicazione sanno che dovranno fare i conti con il Patto di stabilità e aspettare anni per essere pagate. (da Savone economica)

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: