Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Aperta la nuova breast unit all’ospedale di Savona

“La guarigione aumenta se tutti si prendono in carico della donna”, ha dichiarato la dottoressa Tulimero durante la presentazione della nuova Breast Unit presso l’ospedale San Paolo di Savona per la cura dei tumori al seno, “e la sinergia è molto importante tanto da aver portato, dal mese di marzo ad oggi, presso questa unità 200 donne di cui 150 operate”.

Stesso entusiasmo da parte del dottor Paolo Pronzato :”Ho insistito molto per creare questa unità ed il ruolo della regione è stato molto importante e vi sono tre aspetti molto importanti che dominano la sanità e la medicina molto importanti ed uno dei problemi più importanti è quello dei presidi ad elevato costo unitario e la disuguaglianza all’accesso delle cure. Un altro punto molto importante è quello dell’innovazione, nella quale si riscontra un iniziale entusiasmo seguito da un periodo di depressione per arrivare ad una fase costante e la soluzione è quella di organizzarsi in un modo diverso rispetto al passato e la Liguria è molto avanti per ciò che riguarda il cambiamento dato che in questo campo è presente una sorta di multidiscilplinarietà. Le malattie croniche vengono rappresentate come una sorta di percorso nel quale s’intercettano i vari passaggi senza però dimenticare la competenza ed occorre basarci sui volumi dell’attività. Il cuore della brest unit sono le varie unità che producono ed il governo è un percorso molto importante. La malattia è una sorta di percorso di cura e bisogna necessariamente distinguere il “sapere” dal “saper fare” e in questo caso si stabilisce il percorso del paziente e la riallocazione generale delle risorse. Il case manager gestisce il percorso del paziente e dal 1990 le donne decedute a causa del cancro al seno si sono notevolmente ridotte. Questo importante risultato ha avuto un prezzo altissimo e si è potuti arrivare a ciò anche grazie agli screening mammografici ed ai trattamenti per prevedere le recidive. Notevoli sono stati i benefici clinici e abbiamo riscontrato più pazienti guarite con la soddisfazione dei professionisti che si sono occupati di loro. Occorre mettere in pratica un ruolo diverso per gli infermieri ed importare tecnologie, ma devono esserci le condizioni necessarie per il coinvolgimento dei pazienti come, ad esempio, la multidisciplinarietà e la multiprofessionalità. Per coinvolgere al meglio i pazienti dev’essere presente una leadership ed il capo dev’essere un leader e tutto cosa viene fatto è registrato ed è fruibile da tutti. Nuovi indicatori devono essere sviluppati ed occorre sperimentare le scelte che vengono fatte dai computer e le scelte della breast unit. Le malattie e le pazienti sono sempre piuù complesse ed occorre governare con una condivisione delle scelte”.
“La Breast Unit non è un reparto e le strutture restano nelle loro sedi”, ha sottolineato il dottor Marco Benasso, coordinatore della Breast Unit presso l’ospedale di Savona, “e le pazienti hanno la necessità di accedere al punto più vicino alla loro abitazione. Il tumore al seno è il primo tumore per incidenza e quasi 700.000 donne guariscono. Si accede alla Breast Unit dopo la diagnosi del senologo presso l’ospedale di Pietra Ligure e Savona ed il radiologo decide, prescrive e programma gli esami. Se il referto è negativo verranno date alla paziente indicazioni per i controlli sucessivi, mentre in caso di esito positivo verrà fissato un appuntamento con il centro Breast Unit presso il centro di coordinamento del San Paolo e la prima visita multidisciplinare verrà effettuata il giorno dopo che si riceve l’esito. L’accoglienza avverrà nell’area del pre-ricovero con la consegna degli opuscoli contenenti tutte le informazioni e qui si trovano anche gli ambulatori dove verranno effettuate tutte le visite e le medicazioni necessarie e voglio ricordare che alla Breast Unit accedono, come tutte le altre pazienti, anche coloro che hanno diagnosi di altri centri. Per svolgere al meglio il lavoro occorre mettere insieme gli specialisti su due sedi, Savona e Pietra Ligure, e ciò è un lavoro difficile ma con le videoconferenze si risolvono molti dei problemi. L’intervento verrà effettuato in day surgery e subito dopo verrà svolto l’esame istologico al centro di coordinamento. Il follow-up è fondamentale e ricalca le linee guida nazionali e voglio anche ricordare che presso questa unità viene svolto il progetto “Con il trucco sorridi”che dona alle pazienti una trousse da usare dopo l’intervento”.
“La donna viene messa al centro e noi siamo un punto di riferimento per tutte le pazienti”, ha ricordato Alessandra Amore, case manager della Breast Unit dell’Asl 2 Savonese, “e nella prima fase avviene la comunicazioni della diagnosi nella quale il case manager si occupa di accogliere ed informare la donna, mentre nella fase della visita il case manager ha il compito di ascoltare e di raccogliere i dati della riunione multidisciplinare verificando il lavoro di ogni specialista. Nella fase di pre-ricovero la paziente viene educata all’intervento con un linguaggio semplice e dopo l’intervento e le dimissioni in giornata viene consegnato alla donna un libretto con tutti gli appuntamenti. Questo è a mio avviso un buon percorso e ho notato che le pazienti ci sono riconoscenti”.
“Questo è un momento importante e la nostra associazione fa spesso appelli per sensibilizzare le istituzioni ed il Ministero della Salute”, evidenzia Deliana Misale, consigliere nazionale Europa Donna, “e poche regioni hanno attuato delibere per la creazione delle Breast Unit e la Liguria è stata la prima regione a creare questi centri”.
“Per fare certe cose occorre determinazione politica ed abbiamo anche rispettato i parametri previsti con 150 interventi dalla creazione di queste unità. In Liguria abbiamo cinque Breast Unit e la regione ha il compito di accompagnare il lavoro dei medici. La sanità ruota intorno alla persona e coloro che vengono qui trovano tutte le risposte necessarie. Affronto tematiche come queste ogni giorno ed occorre anche trovare il luogo migliore per i nostri pazienti. Voglio fermamente un sistema sanitario che lavora in rete ed occorre lavorare con le risorse presenti. ALISA ha già dato ottimi risultati ed occorre conoscersi per svolgere il lavoro al meglio”, conclude l’assessore regionale alla sanità Sonia Viale.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: