Attualità

App “Immuni”          

Puglia, Abruzzo, Marche, Liguria sono le Regioni in cui sarà sperimentato a partire dal giorno 8 giugno 2020 applicando al proprio telefonino “App immuni” per verificare i contagi e i contatti avuti, in modo da poter curare, per informare la Sanità, prevenirne nuovi Sarà poi applicata, realizzata a livello nazionale. Per poterla attivare occorre avere 14anni  e dare il consenso.  L’iniziativa, sembra gradita agli Italiani, infatti hanno aderito oltre 1milioni di persone, ma per essere utile dovrebbe essere applicata da almeno il 60% degli Italiani. L’operazione ha avuto anche una sua critica perché portava foto di papà al Pc e mamma col bimbo in braccio, tanto che pro bono pacis si sono dovute invertire le parti, anche se non è una immagine che cambia le cose, ma la realtà delle situazioni Una volta montato funziona da solo anche a telefono spento; per toglierla occorre disattivare la geo-localizzazione.  Una cosa salta agli occhi, perché sperimentare in Regioni poco colpite dal virus, forse per meno spaventare la gente, con notevoli rischi di contagio. La prima esperienza del genere è stata sperimentata in Australia il 24 aprile 2020. Non è poi tutto semplice, il programma non si può aggiornare, i dati del cellulare possono essere clonati, in tal caso serve cambiare apparecchio e soprattutto non conviene e talvolta non si possono usare cellulari vecchi (non meno di androide 6), anche per gli elevati consumi. Il sistema centralizzato poi può dare disturbi e consentire accesso a dati personali. Dipende anche se si ha fiducia nel proprio Governatore. Utilità pratica c’è, se si passa vicino ad un malato registra e avvisa, mette su app anche le mie condizioni, registra tamponi esito, ne informa il sistema che li raccoglie. Ogni tanto conviene vedere se funziona. Niente paura se il sistema segnala incontro con presunto infetto, ma consultare il Medico.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: