Economia

Appalti pubblici 2011: meno 22% in Liguria

Da quanto illustrato nel rapporto regionale 2011 sugli appalti, presentato oggi a Genova, nel 2011 si è registrata una diminuzione di circa il 16% degli appalti superiori ai 150 mila euro, in particolare nella provincia di Genova e parallelamente c’è stato un aumento del numero degli offerenti e dei lotti a livello regionale. L’ammontare degli appalti aggiudicati in Liguria è passato da 920 milioni di euro nel 2010 a 720 milioni nel 2011 (-22%). Sugli appalti di lavori importo superiore ai 150 mila euro si è registrata una lieve diminuzione dell’incidenza degli oneri della sicurezza fra il 2010 e il 2011, attestati intorno al 3,7%, mentre per gli appalti di lavori di importo inferiore a 150 mila euro si è registrato un aumento fra il 2010 e il 2011 nella provincia di Genova da 7.54% a 8.56% e in quella di Imperia da 4.43% a 4.46% e una notevole diminuzione per la provincia di Savona da 4.46% a 2.75% e della Spezia da 3.92% a 2.71%.

Gli appalti aggiudicati di maggiore importo nel 2010 erano stati soprattutto quelli legati alla viabilità, alle infrastrutture, alla riqualificazione, ai trasporti, all’igiene urbana, forniture che riguardano la sanità, concentrati soprattutto nell’ambito del Comune di Genova, con ribassi anche superiori al 50%, mentre nel 2011 gli appalti più rilevanti sono stati quelli inerenti il porto, la sanità, l’igiene urbana. Nel 2011 nei lavori la prevalenza del criterio del prezzo più basso rispetto all’offerta economicamente più vantaggiosa è stata più netta rispetto al 2010.  A livello savonese, l’appalto più rilevante aggiudicato in provincia ha riguardato il servizio di raccolta, trasporto e smaltimento rifiuti di Albisola Superiore, messo in gara ad un importo base di 6 milioni 528 mila euro e aggiudicato per 6 milioni 1999 mila euro (ribasso 5,77%). L’appalto di fornitura di più elevato valore ha riguardato la realizzazione chiavi in mano del blocco operatorio al padiglione chirurgico del “Santa Corona”, messo in gara per 5 milioni 480 mila euro e aggiudicato per 5 milioni 254 mila euro (ribasso 6,31%). Per quanto riguarda gli appalti per lavori, il valore più alto è stato raggiunto dall’aggiudicazione della gara per la realizzazione della nuova sede dell’Autorità Portuale di Savona (nella foto), che è stata aggiudicata per 3 milioni 948 mila euro (compresi oneri di sicurezza), segnando un ribasso del 54% rispetto all’importo base (7 milioni 753 mila euro esclusi oneri di sicurezza). La diminuzione delle risorse pubbliche che si è fatta particolarmente sentire nel 2011 ha inciso anche sul numero di concessioni, cioè affidamento a privati della gestione delle infrastrutture e dei servizi, che sono passate da 16 nel 2010 per un importo pari a 135 milioni di euro a 27 nel 2011 per un importo pari a 40 milioni di euro. Da un confronto dei valori dei ribassi medi del 2011 con gli anni precedenti si rileva una certa omogeneità dei ribassi medi nei lavori (13.6%) e nei servizi (12%), che restano inferiori a quelli rilevati su base nazionale (21.1% e 17.8%), mentre si registra un crescente incremento per le forniture, con un ribasso medio (23.4%) decisamente superiore a quello registrato su base nazionale (16.8%). Per quanto riguarda la provenienza degli aggiudicatari, dal confronto complessivo su tutte le tipologie (lavori, servizi e forniture) dal 2009 al 2011 il numero delle imprese liguri rispetto al totale passa dal 47% al 39%. Negli appalti di lavori e di servizi, sia nel 2010 che nel 2011 prevalgono le imprese liguri, che si aggiudicano nel 2011 rispettivamente circa il 37% ed il 44% delle gare, mentre per le forniture nel 2011 al primo posto risultano le imprese lombarde con il 56%, seguite dal Lazio con oltre il 15%, dal Piemonte con l’11% e solo al quarto posto dalla Liguria. A margine della presentazione del rapporto, l’assessore regionale all’Edilizia e Lavori Pubblici, Giovanni Boitano, ha affermato che sarà pronto entro l’anno il nuovo sistema informativo per la gestione del prezziario regionale dei lavori pubblici, “uno strumento di supporto – ha aggiunto – alle stazioni appaltanti ed agli operatori del settore per la quantificazione dei costi degli interventi, insieme alla stazione unica appaltante regionale, istituita per ridurre il rischio di infiltrazioni mafiose nell’assegnazione dei lavori pubblici, oltre a ottimizzare le risorse delle amministrazioni a cui l’Osservatorio garantirà il flusso informativo verso le Prefetture. Il prezziario consiste nell’individuazione precisa dei prezzi relativi all’edilizia pubblica – ha spiegato Boitano – e vuole essere uno strumento più rispondente alla realtà locale delle imprese, anche per evitare il massimo ribasso”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: