Please assign a menu to the primary menu location under menu

Archivi

ATTUALITÀREGIONE

Approvata dalla Commissione Europea la programmazione dei Fondi di sviluppo regionale

630 milioni di fondi europei per il futuro della Liguria

Cinque Terre, Manarola

La Liguria è tra le prime sei regioni in Italia a ricevere dalla Commissione Europea di Bruxelles, l’approvazione della programmazione dei fondi Por Fesr 2021-2027, ovvero i fondi europei di sviluppo regionale. Lo comunicano il Presidente della  Regione, Giovanni Toti e l’Assessore regionale allo Sviluppo economico , Andrea Benveduti. La nuova programmazione si pone tre obiettivi principali: trasformazione economica intelligente e innovativa/ICT, sviluppo sostenibile e sviluppo dei territori.

Questo risultato – commenta il Presidente Toti – si aggiunge a quello già raggiunto pochi giorni fa per il Fondo Sociale Europeo: anche in questo caso la Liguria è stata tra le prime cinque Regioni italiane a ricevere il via libera della commissione europea alla nuova programmazione 2021-2027”.

Toti e Benveduti,  per quanto riguarda il Por Fesr, affermano che la validazione della nuova programmazione dei fondi destinati alla Liguria “è il segno concreto dell’efficacia di questa amministrazione nel farsi trovare pronta e preparata a impegnare i 630 milioni di euro in arrivo per il prossimo settennato  con una dotazione economica superiore per oltre 250 milioni di euro al precedente settennato, che focalizzeremo sul rilancio e lo sviluppo della produttività del territorio, preservando una continuità sostanziale e concettuale con le iniziative attivate in questi anni molto complessi a supporto del tessuto economico”.

Ef d è anche segno che l’Unione Europea, di cui facciamo parte, è vicina  ed è una preenza indispensabile per lo sviluppo, diversamente da come certa propaganda vorrebbe far credere.

Tiene a sottolineare l’assessore Benveduti: “Ringrazio per questo risultato i nostri tecnici, che in questi mesi hanno perfettamente realizzato, mattone su mattone, la nuova programmazione sulla base delle nostre indicazioni. Le evidenti necessità manifestate dalle imprese, a cui abbiamo dato un iniziale supporto con le rimanenze della programmazione Por Fesr 2014-2020, ci spingono a lavorare con la stessa sollecitudine per far partire già da gennaio 2023 i primi bandi comunitari della nuova“.

 

Immagine da: ANSA

 

Rispondi