Politica

Approvato il bilancio comunale

Il Consiglio Comunale di Savona, dopo molte ore di dibattito, ha approvato il bilancio comunale. ci saranno più tasse per tutti in un momento difficile del nostro Paese. Sul bilancio è intervenuto il sindaco Berruti che ha così dichiarato:  “Abbiamo approvato il bilancio con un senso di responsabilità., distinguendoci nelle scelte.  La nostra responsabilità è garantire un equilibrio stabile al bilancio del Comune nel 2012 e nei prossimi anni. Adottare una politica finanziaria per realizzare il nostro programma elettorale. Noi ci siamo impegnati a realizzare un’idea di città inclusiva, basata sulla qualità della vita, dei servizi, della struttura urbana, del welfare, dello sport, della cultura, che punta allo sviluppo del porto, dell’università, delle pmi, del commercio, del turismo. Suddividere i sacrifici necessari tra tutti, chiedendo di più a chi ha di più, di meno a chi ha di meno.

E’ urgente approvare il bilancio perchè da domani i savonesi che hanno un reddito minore di 15.000 € pagheranno meno tasse di oggi. Oggi pagano lo 0,33 % di addizionale IRPEF, domani sarà lo 0%: sono l’80% dei pensionati e il 60% dei giovani con meno di 30 anni. Per loro riduciamo le tasse.  Poi ci sono le responsabilità del governo nazionale di centrodestra. Il quadro economico generale ci mostra una crescita che non c’è, la finanza pubblica portata sull’orlo del dissesto e insieme l’ingiustizia sociale mai così elevata. Il bilancio del triennio 2008-2011 è un disastro, mai l’Italia è stata così immobile, unico paese tra quelli del G8 che non cresce. Il Fondo per la non autosufficienza è stato azzerato, il fondo per il trasporto pubblico locale ridotto dell’80%, ma l’imposta sulla donazione dei grandi capitali è stata abolita e i capitali esportati all’estero condonati: mai abbiamo avuto un’Italia così ingiusta.
Abbiamo già qualche dato su quanto è costato all’Italia e al Comune di Savona il governo di centrodestra. In cento giorni di governo Monti il costo del debito pubblico è sceso dal 5,2% al 3,6%, perchè lo spread è sceso dell’1,6 %”. Continua il sindaco di Savona: “Per il nostro Comune questo significherà 1.600.000 € all’anno in meno di costo per interessi, metà dell’addizionale irpef che abbiamo appena approvato. In soli 100 giorni.
Infine ci sono le responsabilità delle opposizioni.
La critica che ci proviene dalle opposizioni è povera di contenuti utili per la città. Non ci viene contrapposta né una strategia generale alternativa né singoli elementi di variazione del bilancio.
E’ un’occasione perduta perchè sarebbe stato utile per la città confrontarci su contenuti concreti. Non è così.Con gli emendamenti e le dichiarazioni delle opposizioni si fa polemica politica ma non si governa la nostra città”. Conclude Berruti:” il centrodestra ha provato a strumentalizzare i problemi sociali, che non conosce. In campagna elettorale il messaggio fu che si sarebbe ridotta la spesa sociale, e che si sarebbe privatizzato il settore. A proposito di deboli e marginali, quando ci fu da dare soccorso umanitario a poche decine di profughi per due notti, il centrodestra organizzò un comitato contro, e siccome usammo la palestra di una scuola, disse che mettevamo a rischio la salute dei bambini. Siamo chiamati a fare scelte difficili. Per un amministratore pubblico la situazione ideale è quella nella quale si riducono le tasse e si incrementano i servizi. Ma è proprio quando le scelte sono difficili che il senso della responsabilità diviene spirito di servizio. E oggi noi siamo qui per assumerci le nostre responsabilità per il bene della nostra collettività”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: