Rubriche

APPUNTI E DISAPPUNTI

Col permesso del Direttore Roberto Pizzorno sono autorizzato ad ospitare in questa rubrica alcuni articoli scritti da mio figlio Fabrizio Ivaldo. Il seguente è il primo. (L. Ivaldo)

Alcuni aspetti sociologici del voto americano

Malgrado il perdurante rifiuto di Donald Trump di riconoscere la sconfitta, pare ormai assodato che Joe Biden sarà il nuovo presidente degli Stati Uniti, a meno di (ormai molto improbabili) colpi di mano negli stati in cui si sta completando la verifica e la certificazione del risultato elettorale. Il consolidamento del risultato finale permette ora di concentrarci su un’analisi del voto, che lascia senz’ombra di dubbio l’immagine di un’America nettamente spaccata in due come forse mai in passato.
La cartina, che abbiamo visto tante volte in questi giorni, che mostra la vittoria di Biden negli Stati del Nord-Est e della costa del Pacifico, oltre ad alcuni Stati del sud-ovest e all’isolata “macchia blu” costituita dalla Georgia, e per contro il successo repubblicano in gran parte del Mid-West, del Sud e della regione delle Montagne Rocciose, non rende esattamente l’idea della netta divisione dell’elettorato, soprattutto fra aree urbane e zone rurali.
Nelle grandi città la vittoria democratica è stata netta. Nelle vittorie decisive di Biden in Michigan e Pennsylvania, per esempio, è stato determinante il voto superiore all’80% ottenuto dall’ex vicepresidente nelle aree urbane di Philadelphia e Detroit; allo stesso modo, è stato decisivo per il successo in Arizona il passaggio ai democratici della città di Phoenix, fino a ieri l’unica fra le maggiore metropoli degli Stati Uniti a votare in maggioranza per il partito repubblicano.
Per contro, nelle zone rurali la stragrande maggioranza dell’elettorato è rimasta fedele a Trump, non solo nelle regioni dell’Ovest, ma anche nelle grandi pianure agricole del Midwest: prova ne sia il netto successo riportato dal presidente uscente in stati come lo Iowa, l’Indiana, l’Ohio e anche nelle zone agricole dell’Illinois (dove pure il massiccio voto democratico di Chicago è stato sufficiente per consegnare agevolmente a Biden i grandi elettori dello stato).
Laddove la crisi economica ha portato disoccupazione e spopolamento lo slogan di Trump “Make America great again!” ha ancora avuto successo, mentre Biden ha recuperato consenso (rispetto alla debacle di Hillary Clinton nel 2016) soprattutto nelle zone periferiche delle aree urbane. Nei quartieri “bene”, abitati in maggioranza da un elettorato bianco e appartenente ad una classe media abbastanza agiata, è tornata a votare a sinistra una parte degli elettori che quattro anni fa si era spostata verso Trump, probabilmente nella ricerca di nuove idee rispetto ad un partito democratico dominato da un “apparato” che aveva quasi imposto la candidatura della Clinton tarpando le ali a ogni possibile alternativa. Questa classe media è in buona parte rimasta inorridita da quattro anni di una presidenza che si è presentata come sostanzialmente inaffidabile e del tutto irrispettosa delle consolidate regole del fair play istituzionale e più che dare un voto a favore di Biden ha voluto prima di tutto scongiurare una seconda presidenza Trump.
Su questo netto cambio di campo della classe media apparentemente hanno influito, più che le questioni economiche, due elementi.
Uno è ovviamente l’approccio, in ultima analisi inconcludente, dell’amministrazione repubblicana alla pandemia. Nell’idea di una difesa integralista delle attività economiche, Trump ha combattuto qualunque ipotesi di lockdown anche soft, ottenendo però l’effetto contrario rispetto a quello a cui mirava, dal momento che l’esplosione del numero dei contagiati e delle vittime ha pesantemente condizionato le attività produttive e i servizi e ha creato un’impennata della disoccupazione. Inoltre, molti cittadini hanno potuto toccare con mano l’iniquità di un sistema sanitario che tutela soprattutto i ricchi e hanno probabilmente visto con preoccupazione l’ostinazione con cui i repubblicani cercano da anni di smantellare le riforma con cui Obama ha esteso un minimo di copertura anche alle categorie più svantaggiate.
In secondo luogo, non credo che abbia giovato a Trump la forza con cui ha sposato la piattaforma ideologica della destra repubblicana. In un mix di tutela degli interessi dei grandi gruppi economici e di ammiccamenti agli integralisti religiosi, il presidente ha propugnato una politica estera spesso isolazionista, ha condotto una lotta senza quartiere ad ogni iniziativa volta a tutelare l’ambiente e ha strizzato l’occhio ai gruppi che si battono contro i diritti civili e l’integrazione razziale. La nomina di tre giudici ultraconservatori alla Corte Suprema, per esempio, è stata da un lato un grido di battaglia per il fronte che da anni auspica una stretta in tema di aborto e, dall’altro lato, un segnale di attenzione per i grandi gruppi industriali che osteggiano qualunque intervento dello Stato per regolamentare l’economia.
Tuttavia questa politica, se ha eccitato molto i sostenitori del presidente, in ultima analisi gli ha nuociuto, perché ha contribuito alla grande chiamata alle urne di tutti coloro che hanno visto nel voto per Biden una sorta di ultimo baluardo per difendere i progressi sociali e civili dell’ultimo mezzo secolo.
Di fronte a questo ritorno in massa verso i democratici delle classi colte e tradizionalmente progressiste, non è stata sufficiente per puntellare il partito repubblicano l’evidente crescita di consenso nel voto ispanico, certificata nelle elezioni per il rinnovo della Camera dei Rappresentanti tenutesi contestualmente a quella per la Casa Bianca, che hanno visto i repubblicani strappare ai democratici alcuni collegi in Florida, California e New Mexico in aree dove la popolazione di lingua spagnola rappresenta una componente numericamente molto importante. Al di là dell’aspetto puramente ideologico (l’anticomunismo di chi si è lasciato alle spalle i regimi di paesi come Cuba o il Venezuela), si tratta di un fenomeno non nuovo nella storia degli Stati Uniti, che vede gli immigrati, mano a mano che salgono i gradini della scala sociale, integrarsi con la popolazione bianca e avvicinarsi al partito che maggiormente si presenta come garante dello “status quo” e dei privilegi acquisiti.

(fabrizio ivaldo)

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: