Attualità

Appunti e Disappunti

Mercoledì 17 aprile 2019 ci ha lasciati Massimo Bordin. Era un giornalista. Direttore di Radio Radicale dal 1991 al 31 luglio 2010, curava personalmente, dal lunedì al venerdì, “Stampa e Regime”, la rassegna stampa dedicata ai temi politici della giornata. Dal 2010, a seguito di una lite con Marco Pannella, diede le dimissioni da direttore di Radio radicale, continuando, peraltro, ad occuparsi di “Stampa e Regime” e, quindi, continuando, tutti i giorni come prima (salvo rarissime eccezioni) a leggere e commentare le prime pagine dei quotidiani italiani. Scrive Maurizio Crippa su “Il Foglio” di oggi, giovedì 18 aprile, che i commenti di Bordin sugli articoli di stampa, i suoi dibattiti ed i contrappunti di giudizio con Marco Pannella, sempre motivati non per forza sempre condivisi, invitavano a capire, prima che a giudicare o a schierarsi. Da oltre vent’anni, ho seguito la sua rubrica, in casa, in macchina, in ufficio e quando non avevo modo di sentirlo direttamente, appena avevo un po’ di tempo cercavo la “replica” sul computer. Così come leggevo, per prima cosa, il pezzo intitolato “Bordin Line”, che quotidianamente scriveva su “Il Foglio” . Il suo ultimo articolo è stato pubblicato il giorno 2 aprile scorso ed era un autentico testamento spirituale. Trattava dei commenti su una sentenza che comminava trent’anni di reclusione ad un assassino colpevole di avere ucciso la sua ragazza lasciando il figlio di lei orfano. I trent’anni erano stati determinati dal fatto che l’imputato aveva usufruito dello sconto di pena previsto per il rito abbreviato. Sentenza stigmatizzata dal giornale localein un articolo intitolato “… Solo trent’anni all’assassino di Enza…”. Bordin commentava così: “…Come sarebbe a dire solo trent’anni ? Quanto gli dovevano dare? Il delitto era orribile senza dubbio, ma se ne conoscono di gradevoli? C’è una nuova scuola di pensiero giuridico che propone di abrogare il rito speciale e propone di applicare semplicemente il massimo della pena. Potremmo chiamarla la scuola del bruto, ma forse ci spingeremmo troppo oltre nella critica. Qualcosa che non funziona però c’è, ci deve essere. Vilmente ho taciuto…” . In queste parole c’è tutto Massimo Bordin il laico, tormentato dal dubbio e custode del dettato costituzionale che all’art. 27, dice “… Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato…”. Allo Stato non è demandata la vendetta contro i criminali, bensì la tutela dell’ordine pubblico che impone di custodire i criminali e metterli in condizioni di non nuocere. Dopo trent’anni di carcere nessuno è più in grado di delinquere, sia per l’età anagrafica che per il tipo di vita vissuta nei trent’anni di detenzione. Non conoscevo, personalmente, Massimo Bordin, però lo consideravo un amico. Mi mancherà ! E penso che, come me, tutti gli ascoltatori che ascoltavano attentamente le suo parole o leggevano i suoi scritti da oggi si sentiranno un po’ più soli.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: