Attualità

Area Ex Enel a Lavagnola: oggi l’affidamento dei lavori

E’ in dirittura d’arrivo, dopo circa 15 anni di attesa, il progetto dell’Arte, ex Iacp, per la demolizione e la ristrutturazione dell’ex centrale elettrica di Lavagnola. In data odierna, infatti, è previsto l’affidamento dei lavori all’impresa che si è aggiudicata l’appalto per un ammontare di 13 milioni e 849 mila euro, la De. Sa. Ma. Costruzioni di Napoli. Il progetto è quello di ricavare 88 alloggi di edilizia popolare pubblica. L’ Ingegnere Cesare Rè, amministratore unico dell’Arte di Savona afferma che si tratta di un atto preliminare ma molto importante, che segna una svolta in una vicenda che andava avanti ormai da anni. I lavori dovrebbero essere conclusi entro tre anni, nel 2015. Questa storica centrale elettrica di Lavagnola, lungo la strada che porta al Santuario, fu abbandonata negli anni Sessanta da Cieli, prima ancora della costituzione dell’Enel. L’edificio si estende su cinquemila metri quadrati, attorniato da un terreno di circa sei mila metri.

L’edificio venne acquistato nel ’96 dall’Istituto autonomo case popolari, per 4 miliardi di lire. Assai complessa è la storia dell’ immobile: nel 2004 l’ex centrale e il terreno circostante furono sequestrati dalla Procura, dopo la scoperta di sostanze inquinanti, derivate dagli oli esausti (Pcb). Successivamente nel 2008, dopo la bonifica e il parere positivo di Vigili del fuoco e Arpal, il Comune diede il permesso di costruire e così si misero in moto le procedure per indire l’appalto. I ritardi hanno contribuito a far aumentare i costi ma ora finalmente sembra tutto a posto cosicché il nuovo edificio possa dare una risposta importante per emergenza alloggi di Savona. Il Comune intanto si è impegnato a potenziare gli scarichi e gli allacci delle fognature in vista dell’incremento demografico legato ai futuri 88 alloggi.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: