Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Arnasco brucia

DALL’ENTROTERRA INGAUNO

GUGLIELMO OLIVERO

ROBERTA PAGANI

La dove c’era una foresta ricca di vegetazione e specie animali ora c’è soltanto l’insopportabile odore di fumo che ti assale la gola e che ti porta a bere ogni cinque minuti. La macchina di  Roberta, da una vita in vacanza in Riviera, è piena di polvere, sembra reduce  dalla Dakar. Da lontano, perché  tanto non puoi procedere, vedi il lavoro di oltre cento vigili del fuoco, non soltanto locali,  ma anche piemontesi e lombardi mentre dalle 9 gettano acqua tre aerei, presto saranno 4. Ora mentre il vento concede una pausa pensi che a volte la sfiga ci vede benissimo perché  la nottata d’inferno vissuta dai residenti della zona poteva essere risparmiata se fosse entrato un violento temporale che invece ha sfiorato la zona. Me lo ricorda Giorgia,  una ragazza albenganese che abitando ad Arnasco ha dovuto lasciare la casa come altri del luogo: ” Non riuscivo a trovare i miei gatti-afferma- e mi sono attardata ad abbandonare la casa e che rabbia nel pensare che la pioggia è caduta a dieci chilometri”. E mentre parla Giorgia mi ricordano, pregandolo di scrivere, che l’AURELIABIS  come altre strade dell’entroterra sono chiuse.  Le squadre dei Vigili del Fuoco lavorano senza sosta e vorresti nominarli uno a uno come una formazione di calcio quando entra in campo, mi prometto di farlo quando tutto sarà  alle spalle.  Questo incendio mi ricorda quello spaventoso alla Conca Verde di  Savona, anno 2003,  dove si vissero momenti di paura e l’impossibilità per chi scrive di poter inviare un resoconto alla radio tanto era l’arsura in gola. Oggi non sarà  così,  perché si dice che tutto potrebbe andare a migliorare entro sera. Ci sarebbe bisogno anche di un pizzico di fortuna e mentre torni a casa ti imbatti in un anziano che piange con quei grandi fazzoletti bianchi che soltanto i nostri vecchi conservano nelle grandi tasche dei pantaloni. Si torna ad Albenga e l’odore di fumo, arrivato anche ad Alassio, ti assale in viale Martiri  della Libertà mentre un Canadair ti passa sopra la testa.  Arnasco brucia, brucia il grande bosco, la foresta dove vivono e muoiono tante specie animali.  E ti assale la rabbia sapendo che l’incendio, come si dice,sia di natura dolosa. E tra qualche anno, in queste zone dove ora c’è  soltanto il silenzio,  magari vedremo  crescere qualche costruzione, chissà un Arnasco2 per rendere ancora più amaro il dramma di questi giorni.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: