Attualità

Arnasco: progetti internazionali pilota

Il Comune di Arnasco, di concerto con l’Associazione Amici dell’Olivo e la locale Cooperativa Olivicola, prosegue nell’impegno e sostegno di una serie di importanti iniziative culturali volte alla tutela del territorio attraverso l’uso del sistema dei muretti a secco. Le “fasce”, nel territorio comunale di Arnasco, si estendono infatti per oltre trecento chilometri e la loro tutela e salvaguardia sono, per il piccolo paese dell’entroterra ingauno, di importanza vitale sia sotto il profilo culturale, che economico.

“ In questo campo – dice il sindaco Alfredino Gallizia- siamo impegnati da diversi anni ed i nostri corsi ormai sono ben noti anche all’estero, tanto che ogni anno vi prendono parte appassionati, studiosi e studenti provenienti da tutto il mondo”. Le tradizionali “ terrazze”, che caratterizzano il paesaggio ligure sono divenuto così il nucleo centrale di una serie di importanti progetto che hanno portato Arnasco ad esportare l’arte dei muretti a secco a Cuba, in Svizzera, Francia, Gran Bretagna, Germania, Irlanda ed anche in Giappone. “ Da anni inoltre- prosegue il sindaco- collaboriamo con Università e scuole edili. Abbiamo anche realizzato e stiamo preparando progetti per gli studenti degli istituti superiori del nostro comprensorio. In passato ad esempio  attraverso il Progetto Comenius abbiamo contribuito al gemellaggio fra l’ Istituto Falcone di Loano ed un istituto scolastico superiore dell’isola di Wight”. Alla buona realizzazione dei corsi e dei progetti collaborano con passione tutti: “ Il nostro impegno – dice Luciano Gallizia presidente della cooperativa olivicola – è rivolto sia alla salvaguardia del territorio, sia alla tutela della cultura dell’olivo. Con il recupero dei terrazzamenti, attraverso il ripristino dei muretti a secco, abbiamo ampliato notevolmente la superficie coltivata ad olivo e contiamo di dare lavoro ad altri addetti. Per ora in cooperativa abbiamo 5 dipendenti. La collaborazione con le scuole e le università ci consente di farci conoscere per esportare nel mondo l’arte dei muretti a secco”. Ed in effetti oggi Arnasco è nota all’estero soprattutto come sede dell’ “ Università dei Muretti a secco”. I terrazzamenti rappresentano una importante risorsa del territorio, in Liguria. Le “fasce” appunto caratterizzano il tipico paesaggio collinare ligure, ricoprendo addirittura il 30 per cento del territorio dell’ entroterra ingauno.
“ Per contrastare l’abbandono delle aree terrazzate a vocazione agricola delle regioni alpine, l’Unione Europea ha varato nel 2005 un programma – dice il sindaco Gallizia – al quale abbiamo allora aderito e che proseguiremo in futuro per tutelare questo grande patrimonio lasciatoci dai nostri avi. Nata come  programma europeo Interreg IIIB, progetto Alpter, la rete di iniziative per sostenere i paesaggi terrazzati dell’arco alpino si è poi sviluppata ed inserita in altri progetti. Ora con la crisi si sono rallentati interventi e finanziamenti, ma speriamo che tra le priorità europee ci sia proprio la salvaguardia dei territori”.

Claudio Almanzi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: