Please assign a menu to the primary menu location under menu

Archivi

Curiosando qua e là

Arriverà la Primavera : dicerie e consigli utili

La primavera è la stagione più bella e difficile, attorno tutto sta cambiando, le giornate si allungano, più luce, colori, temperatura, ma insieme ad una piacevole sensazione di energia, vitalità, la sindrome primaverile, piccoli  fastidi:: mal di testa, stanchezza, dolori muscolari, gonfiore, gastrite, stanchezza, invito alla sonnolenza,  tipico specie per bambini. Bella la canzone “Maledetta Primavera” infatti, sembra richiamare le difficoltà, l’andare controcorrente, in contrasto con la fioritura della natura che si ridesta. Oltre al cambio di armadio, abiti, cambiano i ritmi circadiani(dal latino “circa diem”, intorno al giorno), provocando disturbi, dopo il peso dell’inverno     Per evitare di andare in deficit di sonno, giusto il vecchio adagio “Aprile dolce dormire”, serve andare a letto un po’ prima, aria, sole e idratarsi di più. L’acqua, è l’elemento più utile (il nostro corpo è composto al 75% da acqua), acqua che ha pochissime calorie, ma dà energia, aiuta a depurare, cacciare mal di testa e dolori muscolari. Spesso la ingeriamo male, infatti oltre la quantità bisogna saper bere bene: meglio al mattino  e lontano dai pasti (diluisce i succhi gastrici, rendendo difficile la digestione) Bene bere a metà mattino e metà pomeriggio aggiungendo un po’ di sali non solo diuretici.   L’acqua si assume anche con frutta e verdura frullati, meglio arancione(carote, arance), variando tipi di verdura e frutta;ognuno ha le sue peculiarità, tutte utili specie ai bimbi.   Una pianta da riscoprire, il gelso, offre un super alimento antiossidante (una volta i bachi da seta ne mangiavano le foglie, le persone i frutti)                                                                                             Ci si muove, si consuma di più, servono 15/20 giorni per adattarci, riallinearci con il metabolismo con il ritmo della natura. La natura che è generosa, benigna, ci mette a disposizione ottimi alimenti, in particolare. le verdure di stagione, giusto usare più verdure che frutta, specie a foglie larghe, ricche di vitamina K,al mattino, frullate mentre al pomeriggio, sostanze atte a ricostruire: cereali integrali, fave, che aiutano a recuperare:colore e forme.                                                                            Le offerte della natura, meglio gustarle crude, gestirle bene nella preparazione, specie evitando una cottura troppo alta(forno sale a 180°), troppo per alcune verdure (peperone perde oltre i 41°)              Anche l’olio di oliva si degrada a 180°(soglia del fumo) Con un fornello che può salire sino a 300° utili pentole con fondo spesso ad evitare perdita di qualità e il prodursi di sostanze nocive.                     In cottura invece migliorano carote e pomodori (passato di pomodoro)                                                                Gli asparagi ad esempio meglio cuocerli a vapore che non bolliti (perdono sali e gusto).Dopo tanti buoni consigli, cosa e come, attenti a mangiare troppo, si ingrassa, si fatica a muoversi, a lavorare. Serve movimento che tonifichi, depuri, faccia affluire più sangue alla periferia e dimagrire. Come per l’acqua anche l’allenamento, a basso regime aerobico, meglio al mattino, con il pranzo poi si reintegrano le perdite.

Rispondi