Cultura e Musica

Arte e preghiera in S.Lucia : la “Terra di Liguria” è la regina d’autunno

Venerdì 16 ottobre nella suggestiva chiesetta di S.Lucia a Savona, si è conclusa la terza edizione del “Premio Coretti”, un’iniziativa voluta e sostenuta fortemente dalla Confraternita dei S.S. Agostino e Monica con il patrocinio della Diocesi di Savona-Noli e del giornale on-line L’Eco di Savona e Provincia. Nonostante il velo di tristezza dipendente dall’aver appreso la decisione degli organismi preposti di non permettere la tradizionale festa dedicata alla patrona (bancarelle di dolciumi e candele votive sono un cult per i savonesi) tutto è filato via liscio grazie alla grande attenzione riposta dagli encomiabili confratelli organizzatori. Dopo la S.Messa celebrata alle 16.00 da Don Piero Giacosa (bellissima la sua omelia incentrata sul significato dell’arte come amore per Dio) si è svolta la cerimonia di premiazione coordinata dalla Priore Maria Carla Tabò, vedova dell’indimenticato prof. Alessandro Coretti a cui è dedicata la rassegna, coadiuvata dalla figlia Luisa e dalla nipotina Vittoria e dal consigliere Roberto Pizzorno. Il tema prescelto per l’anno 2020 era “Terra di Liguria” e ben 16 le opere in gara tra tele, ceramiche e sculture. Il vincitore della targa assegnata dalla giuria di esperti è risultato Eugenio Lanfranco con il suo “Piatto mascherone” espressione del barocco locale mentre la vincitrice fuoriuscita dalla giuria popolare è risultata Lorenza Rossi con il quadro “Verso la Luce”. Come da regolamento è stata sorteggiata l’opera “Lo scoglio della Madonnetta” che la rispettiva autrice Giovanna Marrone ha donato alla Confraternita accrescendo il patrimonio di proprietà con l’impegno di esporla nell’ambito della chiesa e di indire in un futuro un’asta di beneficienza. L’evento ha inteso ricordare ancora una volta la grande figura di Alessandro Coretti, Priore nonché docente di matematica in diversi istituti scolastici e fine studioso di arte, che aveva disegnato agli ultimi vescovi di Savona-Noli (Calcagno e Lupi) nientemeno che lo stemma episcopale. Per ragioni dipendenti dall’epidemia in corso si è dovuto rinunciare all’allestimento del rituale banchetto finale così come alla presenza del Priore Emerito cav.Renato Italo De Feo costretto a casa per tutelare la preziosa salute. Sperando sia possibile riproporlo il prossimo anno, cogliamo l’occasione per invitarvi a visitare le bellezze custodite all’interno di un eremo di cristianità così simbolico quale è la cappelletta di S.Lucia a picco sul mare, già Siracusa del Chiabrera, recentemente balzata alle cronache nazionale dopo l’addivenuta del noto critico d’arte Vittorio Sgarbi. Fatelo pure senza remore nei giorni e negli orari previsti poichè tutte, dicesi tutte, le precauzioni anticontagio Covid sono state realizzate e garantiscono la garanzia sanitaria dovuta. Un grazie di cuore anche a tutti coloro che oltre a siglarsi nell’apposito registro desidereranno lasciare un’offerta che verrà utilizzata per aiutare le fasce più colpite da questa pandemia. Come in occasione di questo riuscitissimo Concorso verranno fatte osservare tutte le norme nazionali e regionali per contrastare la diffusione del coronavirus. In particolare all’ingresso verrà misurata con termoscanner la temperatura corporea (che non potrà essere oltre i 37,5 gradi), sarà obbligatorio l’uso di idonee mascherine CE a copertura della bocca e del naso e durante tutta la permanenza sarà necessario mantenere una distanza interpersonale raccomandata di 1,00 m in quanto saranno vietati assembramenti di ogni genere.

Felicino Vaniglia

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: