Cronaca

Aumenta il numero delle vittime del naufragio della Concordia

Si aggrava il bilancio del naufragio della Costa Concordia, le vittime della nave da crociera in totale salgono ancora, i sommozzatori della Guardia Costiera hanno individuato altri cinque corpi nella nave sommersa, oltre alla scatola nera, estratta dal cuore del Concordia. Adesso sono in corso le operazioni di recupero che vedono coinvolti anche i sommozzatori dei Vigili del Fuoco, i palombari della Marina Militare (ComSubIm) che hanno aperto varchi nella nave per consentire nuovi accessi in zone difficili da raggiungere, tutti sono coordinati dalla Protezione civile.

Le ultime salme sono state rinvenute dai sub nella zona di poppa della nave, quasi interamente sommersa dalle acque: si trovavano in uno dei punti di raccolta, dove erano state recuperate le salme delle prime due vittime. Si tratta di 4 uomini e una donna, probabilmente passeggeri. Avrebbero un’età compresa tra i 50 e i 60 anni e hanno ancora indosso il salvagente. Intanto è stato appurato che la sesta vittima, ritrovata nel pomeriggio di ieri, sarebbe un turista di nazionalità tedesca.

Sono poi ancora 11 i dispersi dichiarati ufficialmente di cui non si hanno notizie, tuttavia la prefettura di Grosseto ha specificato che in realtà sono 28:  17 donne e 11 uomini di sette nazionalità (tedesca, italiana, francese, ungherese, indiana, peruviana e statunitense).  La prefettura ha specificato che “i dati, tuttora in corso di aggiornamento, potrebbero risultare utili ai fini della ricerca dei cittadini italiani e stranieri”.  Secondo quanto si è appreso si tratterebbe di 4 membri dell’equipaggio, mentre gli altri 24 sarebbero passeggeri.  Dei nostri connazionali, mancano all’appello Maria D’Introno, di Biella; le amiche siciliane Maria Grazia Trecarichi e Luisa Antonia Virzì; il riminese William Arlotti e la figlioletta Dayana di 5 anni, tutti passeggeri, mentre l’unico italiano disperso membro di equipaggio è il 30enne Giuseppe Girolamo di Alberobello.
(Nelle foto i dispersi appurati)
Le condizioni meteo-marine, purtroppo stanno peggiorando con una mareggiata in arrivo, perciò le operazioni di soccorso e ricerca sono state sospese più volte, pare che la nave appoggiata sugli scogli a circa 100mt. dalla riva, si sposti verso le profondità marine, col rischio di inabissarsi e mettere in pericolo a anche la vita dei soccorritori.

Paolo Bongiovanni

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: