martedì, Dicembre 10, 2019
Home > Attualità > Aumentano i matrimoni nel resto d’Italia ma diminuiscono in Liguria, dove comunque aprono sempre più imprese di “wedding planner”

Aumentano i matrimoni nel resto d’Italia ma diminuiscono in Liguria, dove comunque aprono sempre più imprese di “wedding planner”

Nonostante qualcuno ritenga, e venga creduto, che il nostro Paese sia  all’ultima spiaggia, in Italia aumentano i matrimoni (+4,6% tra 2015 e 2016), anche se non in Liguria (-0,2%) e crescono attività e business legate alle nozze, secondo i dati della sempre informatissima Camera di commercio di Milano. Tra organizzazione di feste e cerimonie (wedding planner), confezionamento e vendita di abiti da sposa e da cerimonia, bomboniere, fiori, riprese fotografiche, catering per gli eventi e agenzie di incontri, si contano circa 83 mila imprese attive nel 2017 in Italia e quasi duemila (1.871) in Liguria, con un giro d’affari che ammonta a circa 15 miliardi di euro a livello nazionale e 360 milioni in regione!

Il settore del “wedding” cresce del 2% circa in un anno. A segnare un significativo aumento è l’organizzazione di feste e cerimonie, tra cui i wedding planner, (+9,6% in un anno, 1.655 imprese attive) e i catering per eventi (+9,1%, 1.255 attività). La Campania, a sorpesa, è la regione che spicca per numero di imprese: sono 11.454 le attività, specializzate soprattutto nelle vendite di abiti su misura e bomboniere. La Lombardia è al secondo posto con 10.636 imprese ma è prima per fotografi mentre al terzo posto si situa il Lazio, con 8.289 imprese.

In provincia di Savona le imprese censite sono 372, in crescita del 3,3% rispetto al 2016. Sono 48 le attività specializzate in abiti da sposa o da cerimonia, 194 quelle che vendono soprattutto abiti su misura, 60 i commercianti di fiori, 6 i negozi specializzati in bomboniere, 5 le imprese di catering, 55 i fotografi, 1 sola agenzia matrimoniale, 3 imprese per l’organizzazione di feste e cerimonie.

Per quanto riguarda i matrimoni, istituzione in crisi secondo molti pareri,  in Italia, nel 2016, se nono stati celebrati oltre 203 mila. La Calabria, con  il 4,4 di “quoziente di nuzialità”, ovvero matrimoni ogni mille residenti, la Campania, con il 4,3 e la Sicilia, con il 4,2, si attestano come le regioni in cui ci si sposa di più, mentre la Lombardia, la regione più popolosa d’Italia, che con Milano, dove si lavora indefessamente ma pure indefessamente si celebra il “week end” godereccio,  è “terra di egoismi”, tanto da segnare, con il 2,8%, l’ultimo posto nella classifica del “quoziente di nuzialità”! In Liguria i matrimoni, nel 2016, sono stati 5.032 (-0,2% rispetto all’anno precedente), di cui 1.833 celebrati con rito religioso e 3.199 con rito civile. In provincia di Savona il “sì” fondamentale è stato pronunciato in 1.035 occasioni. Crescono anche i matrimoni misti tra italiani e stranieri, +6,7% in un anno; sono stati circa 19 mila nel 2016, vale a dire 1 su 10 tra tutti i matrimoni celebrati in Italia. In provincia di Savona sono stati 150, pari al 14,5% di tutti i matrimoni, di cui 110 con sposa straniera e 40 con sposo straniero; l’incremento rispetto al 2015 è stato del 10,3%!

Una domanda affiora maligna, visto il proliferare della “wedding economy”: ma si organizzano feste per sposarsi o ci si sposa per organizzare feste?

 

Nella foto: il parco di Villa Lagorio, a Celle: uno dei luoghi, nella Regione, di maggior rinomanza per le feste nuziali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *