Economia

Aumentano le richiesta di intervento della cassa integrazione

Nel primo semestre del 2012 la richieste di intervento della cassa integrazione in provincia di Savona hanno registrato un aumento del 28,32% rispetto allo stesso periodo del 2011, percentuale di gran lunga superiore – comunica l’Inps savonese – al dato regionale (più 8%) e alla media nazionale (+3,2%). Savona è passata da 1.195.287 ore autorizzate nel gennaio – giugno 2011 alle attuali 1.533.765 ore, con un aumento di 338.478. L’incremento più elevato è avvenuto nella gestione della cassa in deroga, pressoché raddoppiata (+99%), in quanto vi attingono le imprese, sia piccole sia grandi, che non hanno più la possibilità di utilizzare le procedure tradizionali.

La cassa ordinaria ha registrato un +56,4% pari a 521.767 ore, contro le 333.560 del 2011, mentre la gestione della cassa straordinaria ha avuto una flessione del 17%.  Nel mese di giugno c’è stata una leggera flessione rispetto al mese precedente, ma si tratta di una diminuzione ciclica, stagionale, mentre il trend del primo semestre 2012 conferma la situazione di grande crisi del sistema produttivo della provincia.  C’è un forte rimbalzo delle richieste di cassa integrazione ordinaria, soprattutto nell’industria e anche questa non è una buona notizia: il 2012 è iniziato in salita, con poche prospettive di ripresa nel secondo semestre dell’anno. Crescono anche le richieste di sussidio di disoccupazione, passate da 5.468 domande del 2011 alle 6.044 attuali, con un incremento di 576 unità più 10,5%; e segna un leggero aumento anche la mobilità, da 161 alle 172 del 2012.  A livello settoriale, gli interventi della cassa Integrazione in questi primi sei mesi dell’anno hanno registrato un incremento generalizzato, coinvolgendo gran parte delle aziende della provincia, e oltre 1.500 lavoratori in cassa a zero ore.  L’utilizzo maggiore delle ore di cassa è da attribuire al settore industriale, con oltre il 62% (+11,1% sul 2011)), mentre l’edilizia registra un aumento del 44,3%, gli artigiani sono a +25,6%, e il commercio, che risente fortemente della crisi in atto, a +176,4% (il comparto utilizza il 13% del monte ore complessivo). Passando all’esame dei dati che si riferiscono a disoccupazione e mobilità, è confermato il trend negativo del 2012, con una crescita di 587 unità sullo stesso periodo del 2011 (+11,3%), portando lo stock a quota 6.216. Se si sommano al totale dei lavoratori in Cig, il totale arriva a 7.719 unità, 918 in più, pari a 13,50%.  “Nel complesso – commenta il presidente provinciale dell’Inps Giancarlo Battaglino – la prima metà del 2012 ha segnato una costante crescita dell’utilizzo degli ammortizzatori sociali, confermando che l’economia è molto debole e in fase decisamente recessiva, cancellando quei segnali di ottimismo manifestati alla fine del 2011, che lasciavano intravedere l’avvio dei grandi cantieri nel Vadese e in Valbormida. Cosi non è stato.  In questi giorni c’è stata la notizia del finanziamento per la piattaforma Maersk. L’augurio è che arrivi presto anche il via libera per i lavori nella centrale termoelettrica di Vado. Non saranno certamente queste due iniziative a risolvere la crisi del Savonese, ma resta pur sempre un segnale positivo verso l’economia, che non fa mai male.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: