Attualità

Autostrade e paroloni…

Autostrade, ancora autostrade e sempre autostrade: “ Disastro Mit e autostrade. Non arretrare di un centimetro. Occorre andare avanti con l’azione legale nei confronti del ministero delle Infrastrutture e Trasporti per tutelare e cercare di risarcire, per quanto possibile, tutte le categorie economiche colpite dai gravi disagi causati dal Mit e dal concessionario autostradale sulle tratte di A7, A26, A10 e A12 che interessano la nostra regione. I cittadini liguri se lo meritano e ne hanno diritto“. Lo avevano dichiarato in settimana i consiglieri regionali della Lega, Franco Senarega, Paolo Ardenti e Alessandro Puggioni, che avevano presentato un ordine del giorno al riguardo.

I cantieri infiniti e il protrarsi dei lavori di verifica e consolidamento – così ancora  comunicato dei tre consiglieri – di numerosi tratti in galleria delle autostrade liguri, sui tratti di competenza di A7, A26, A10 E A12, continuano a provocare la paralisi della Liguria (incluso il porto di Genova). Ogni giorno ci registrano decine di chilometri di code e i tempi medi di percorrenza, ad esempio tra Savona e Genova, sono di due ore. Per non parlare delle auto che rimangono incolonnate anche di notte. La situazione intorno al nodo del capoluogo ligure è insostenibile da settimane, nonostante il ministro Paola De Micheli (Pd) avesse assicurato che entro il 10 luglio i disagi sarebbero stati ridotti con la riapertura di due corsie per senso di marcia. Tuttavia, le ispezioni dettate dal Mit si sono protratte ancora per diversi giorni e i liguri sono ancora costretti a vivere l’incubo autostrade. Da tali ispezioni discenderà comunque un nuovo piano di lavori che potrebbe protrarsi per l’intero mese di luglio e probabilmente anche oltre, con tempi assolutamente non certi“.”Considerato che la Liguria è una regione a vocazione turistica e giugno, luglio e agosto sono quelli di maggior afflusso turistico (mesi in cui le aziende turistiche e in generale tutto il comparto commerciale avrebbe potuto riprendersi in parte dai problemi causati dall’emergenza Covid-19) è necessario ora più che mai chiedere il risarcimento dei danni subìti dai liguri

Ma questa, con tutto il rispetto,  “rodomontata”, volta forse più a scopi elettorali in prospettiva di una caduta del governo che non verrà e per il quale si prodigherà anche Berlusconi, non smuove di nulla la politica perseguita dal Ministero dei Trasporti e soprattutto non smuove in nulla ASPI – DE, ora più che mai va chiamata così, che continua imperterrita nei controlli, nlle ispezioni, nella messa in sicurezza, e che, riguardo all’incidente di ieri sera sulla A10, che ha causato la morte di un cinquantaseienne gneovese, altro non ha avuto da dichiarare che il tratto dove il sinistro è avvenuto «era cantierizzato con corsia in deviazione correttamente installata e segnalata», che indubbiamente è vero ed ineccepibile ed anzi,i responsabili delle indagini sembrano propendere verso l’ipotesi del malore o della distrazione della vittima, quale causa dell’indicidente. Ma è la mancanza totale di ogni considerazione fuori dall’ambito tecnico, la freddezza e l’apparente insensibilità verso ogni problema ed ogni difficoltà, economica e pure umana, in questo momento drammatico per la viabilità autostradale, in tempi di maggiore traffico per la stagione turistica e con il caldo che acuisce i disagi, a gettare un’ombra fosca sul comportamento e sull’azione di “Autostrade per l’Italia”, che finirà con essere ancora più invisa alla maggioranza dell’opinione pubblica, con tutto il corollario di antipatie, giudizi sommari, odio gratuito ed irrazionale per la famiglia Benetton; continua così una “saga” in cui sembrano venire prima i risentimenti, le vendette, i dispetti, i tornaconto politici, che non la volontà di rimediare agli errori e di ripartire nella gestione della rete autostradale in leale spirito costruttivo!

 

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: