Attualità

Autostrade: tutti contro tutti!

L’ottimo  consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Andrea Melis, di nuovo candidato alle prossime elezioni,  sottolinea, scoprendo un po’ l’acqua calda,  che il raddoppio ferroviario Finale-Andora – tuttora osteggiato da più di un’associazione ambientale e da più voci politiche -, Aurelia Bis, Savona-Torino, Autostrade, sono gli elementi chiave per la risoluzione dei problemi dei trasporti. Così si esprime il consigliere Melis:

“Il completamento dell’Aurelia Bis è un argomento particolarmente caldo e ritengo ci siano tutti gli elementi per ripartire con una certa velocità, per riaffidare i lavori e concluderli definitivamente. Sappiamo che è un progetto che manterrà delle limitazioni, non è risolutivo al 100%, non dobbiamo abbandonare l’ipotesi di fare eventuali ulteriori varianti anche nel prossimo futuro. E’ un infrastruttura potenzialmente utile che però come è proposta oggi non potrebbe risolvere i problemi legati al traffico”

“Dobbiamo puntare sull’infrastruttura ferroviaria, mi sono fatto promotore di un’iniziativa approvata all’unanimità in consiglio regionale per il potenziamento della linea ferroviaria Savona-Torino, un’opera prioritaria per lo sviluppo della nostra città e che deve transitare al Ministero competente ed essere inserita poi nel contratto di programma con Rfi”

Il raddoppio ferroviario da Finale Ligure ad Andora è stato inserito nel piano delle infrastrutture “Italia Veloce” per un investimento di circa 1 miliardo e mezzo, un’opera attesa da anni nel ponente savonese.

“E’ evidente che il problema c’è, non si può sostenere un solo binario in quella tratta – così ancora Andrea Melis – l’opera potrà partire nel momento in cui si debbano accettare alcuni correttivi e miglioramenti che le comunità locali giustamente lamentano tra cui l’allontanamento eccessive delle stazioni ferroviarie piuttosto che anche al consumo di suolo vocato all’agricoltura. La notizia può essere presa positivamente nel momento in cui avremo effettivamente una data prevista per l’inizio lavori”.

Mentre Melis, andando oltre le dissennatezze di tanti suoi compagni di cordata che vibravano di contrarietà sdegnata  al terzo valico, anche se ora si chiamano “Buonsenso”  – sino a prova contraria! – e si sono scissi, appoggia tutti questi bei progetti,  del resto effettivamente necessari, sulle autostrade, sotto l’implacabile sole di luglio, che dardeggiava già ben prima che Greta Thunberg non lo vedesse quale segno della cattiveria umana, che avrebbe il volto dei grandi leader mondiali, innanzi tutto di Donald Trump, che a lei ed ai suoi coetanei “avrebbe rubato i sogni e l’infanzia”, anzi per citare la frase da lei pronunciata nel suo inglese fluente: “You have stolen my dreams and my childhood“, ebbene senza più divagare, sulle autostrade  i raggi del sole continuano a calare in picchiata ad arrostire gli automobilisti e gli autotrasportatori bloccati sull’asfalto dal piano di ispezioni che ASPI-DE -ormai la chiamiamo così!-  costrettavi dal Ministero dei Lavori Pubblici, deve portare avanti ed avrebbe dovuto terminare il 10 luglio- oggi, giorno in cui lo scrivente festeggia i suoi sessantadue anni di vita, consentitemi di scriverlo! – ed invece ASPI-DE informa che ulteriori ispezioni sono previste sino al 15 luglio e pertanto è probabile che la chiusura di alcuni tratti sulla A10, A7 e A12 possa essere mantenuta in essere. “In tal caso al provvedimento di chiusura del tratto al momento attivo in A7 tra Bolzaneto e Genova Ovest verso Genova, si potrebbero aggiungere ulteriori provvedimenti, con pesanti disagi alla circolazione molto rilevanti in corrispondenza del nodo genovese’. Quello che si prospetta, è una paralisi totale della nostra regione. Lo avevamo previsto, lo abbiamo detto, scritto, gridato e ripetuto ma ogni richiesta di Regione Liguria e di tutte le categorie economiche e produttive del nostro territorio è rimasta del tutto inascoltata. Una situazione intollerabile. Il ministro De Micheli, che non risponde a nulla, pensa ancora che dall’11 luglio riapriranno due corsie in tutta la Liguria e finiranno i disagi? La smetta una volta per tutte di prendere in giro un’intera regione, e le sue Istituzioni, i suoi cittadini e le sue imprese“. Così sbotta il Presidente della Regione, Toti! Per mesi, anzi per due anni, dal crollo del Ponte Morandi, si è detto che ASPI-DE fosse colpevole di tutto ed avesse mancato di eseguire manutenzioni e controlli; ora che le sta eseguendo, anche mettendo a rischio la stagione turistica  e l’economia della Liguria, ma per l’incolumità delle persone e delle cose, continua ad essere oggetto di accuse e di maledizioni, l’abbiamo già detto e lo ripetiamo! In più, qual’è la notizia di questi giorni? La conferma delle concessioni ad Atlantia della gestione della rete autostradale, con l’assennata e fondamentale condizione posta dal Ministero dei Lavori Pubblici, del controllo governativo! Il Movimento Cinque Stelle si straccia le vesti; uno dei “dogmi” imprescindibili su cui poggiava la predicazione dell’avvento della “New Age” grillina era appunto la revoca all’Atlantia dei Benetton  della concessione della gestione delle autostrade e l’interdizione di essa dalla gestione e dalla vista del nuovo ponte sul Polcevera. Responsabile del crollo del “Morandi”era “Autostrade”, senza dubitarvi neppure un istante, pur se il parere presto dimenticato, anzi,  nemmeno ascoltato, del professor Mancini di Torino, massimo esperto del settore, ravvisasse piuttosto un “oscuro difetto strutturale” , esiziale per l ‘ardita costruzione che sorvolava Genova dal 1967! In attesa dei prossimi eventi, su tale vicenda spinosa, anzichè essere tutti contro tutti, non sarebbe meglio essere tutti per tutti come i famosi moschettieri dei romanzi di Dumas?

 

Immagine da: Agi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: