Attualità

Bagni marini: in difesa delle concessioni

Con un telegramma inviato pochi giorni fa al ministro agli Affari europei Enzo Moavero Milanesi e al ministro agli Affari regionali Piero Gnudi i sindacati dei titolari bagni marini (Fiba Confesercenti, Assobalneari Confindustria, Coordinamento Cna Balneatori e Sib Confcommercio) chiedono di sapere l’esito “delle riflessioni del governo sull’applicazione della direttiva Bolkstein, ed eventuale deroga”, e si preparano ad una manifestazione che vedrà tra gli invitati i tanti sindaci e rappresentanti degli altri enti locali delle regioni balneari, compresi quelli della provincia di Savona.

Le aspettative circa la possibilità di evitare che le concessioni balneari siano messe all’asta sembrerebbero realistiche ma fino a quando non ci sarà un pronunciamento ufficiale della Commissione Europea gli operatori balneari della Riviera restano mobilitati, insieme ai colleghi di tutta Italia.
“Abbiamo saputo indirettamente – spiega il presidente nazionale del Sib Riccardo Borgo (nella foto) – che il ministro Moavero Milanesi si sta attivando. Nell’incontro dello scorso 23 febbraio non ci eravamo posti una data di scadenza ma è passato quasi un mese e la cosa importante è la convocazione di un tavolo tecnico non solo in relazione alla scadenza del 2015 e per le norme future, ma anche per altri aspetti legati alle attività delle imprese balneari. Altri attori importanti, che so si stanno attivando, sono la Regione Liguria e le altre Regioni che hanno nel turismo balneare una delle principali fonti di entrate”.
Uno degli obiettivi è mantenere forte l’attenzione sul tema della direttiva Bolkestein, la norma europea contestata dai titolari degli stabilimenti balneari.
“Stiamo preparando una grande manifestazione a Roma – conclude Borgo – alla quale inviteremo non solo le imprese balneari di ma anche i rappresentanti delle province e dei Comuni di tutta Italia, compresi i nostri, e le Regioni; la maggior parte di questi enti è vicina alla nostra posizione come hanno dimostrato in più occasioni; la manifestazione si farà probabilmente dopo Pasqua, prima del venti aprile. Stiamo valutando con il Comune di Roma le autorizzazione per la piazza dove organizzare la manifestazione”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: