Sport

Bilancio positivo della stagione 2012/2013 del Savona Hockey Club

La stagione sportiva 2012/2013 per i colori del Savona Hockey Club rimarrà certamente memorabile, contrassegnata dalla doppia storica promozione in serie A indoor e in serie A2 prato. Uno degli artefici della promozione biancoverde in serie A2 prato è stato senza ombra di dubbio il giovane Andrea Fardellini, classe 1995, distintosi quale miglior realizzatore del torneo con 6 reti segnate e contribuendo con le sue ottime giocate a favorire il successo del team savonese. A coronamento dell’ottima stagione sportiva condotta, anche tra le fila della formazione U20 biancoverde, Andrea Fardellini è stato selezionato per far parte della nazionale azzurra maschile U18 che ha partecipato all’EuroHockey Championship II U18 Boys svoltosi a Gasawa (Polonia) dal’8 al 14 luglio.

Andrea Fardellini, in tale kermesse internazionale, è stato l’unico atleta ligure a raggiungere tale importante convocazione a conclusione del progetto ideato dalla F.I.H. (Centri per il Talento Hockeistico – C.T.H. ) nell’ottica di costituire delle squadre nazionali competitive, a partire dalle categorie giovanili, con l’obiettivo di colmare in chiave internazionale il divario tecnico-tattico tuttora esistente tra l’Italia e le altre nazioni nelle quali l’hockey risulta essere maggiormente sviluppato. Al progetto della F.I.H. sopradescritto, che ha comportato lo svolgimento di numerosi periodici raduni tecnici per le varie macro-aree individuate da Nord al Sud, hanno preso parte anche altri compagni di squadra di Andrea Fardellini: Simone Ghiglia (classe ’95), Filippo Bormida (classe ’95), Luca Manzino (classe ’95) e per la squadra femminile U18 anche Elettra Bormida (classe ’98), tutti quanti valutati “atleti di interesse nazionale”. Prima dell’inizio del torneo continentale in Polonia, Andrea Fardellini ha sostenuto un raduno di preparazione dal 1/7 al 6/7 a Castello d’Agogna (PV), per raggiungere poi il giorno successivo la cittadina polacca di Gasawa, sede dell’Eurohockey Championship II. Andrea Fardellini fa parte del gruppo dei promettenti giovani del Savona HC che a livello nazionale hanno già avuto modo di distinguersi, grazie alla conquista di ottimi piazzamenti conquistati nel corso degli ultimi 7 anni, basti ricordare tra questi il titolo italiano U12 conquistato a Lignano Sabbiadoro (UD) nel 2007 e i successivi scudetti indoor U16 nel (Bra, 2010/2011) e U18 indoor (Messina, 2011/2012). Proprio a Messina, alle vittoriose finali indoor U18 disputate nel febbraio 2012, Andrea Fardellini venne giudicato miglior giocatore delle Finali; analogamente alle finali scudetto U18 prato disputate a Cernusco S/N nel giugno del 2012 (3° posto per il Savona HC per differenza reti nei confronti del Cus Catania classificatosi al 2° posto) Andrea Fardellini era stato premiato miglior giocatore del torneo di finale ex aequo con il capitano del Cus Padova vincitore dello scudetto, Daniele Viscolani, classe 1994 e già nazionale azzurro U21 e U18. Andrea Fardellini aveva già indossato la maglia azzurra nella categoria U16 all’EuroHockey Championship II nel 2010 svoltosi a Predanovci (Slovenia) ben figurando e disputando da titolare tutte le partite. Questa volta in Polonia, agli ordini dell’allenatore Gianluca Cirilli (ex centravanti della nazionale italiana ed attuale allenatore di club dell’HC Tevere Eur), Andrea Fardellini ha disputato da titolare tutte le 5 partite disputate dall’Italia, venendo schierato nel ruolo di esterno sinistro di attacco, affrontando nell’ordine Irlanda, Polonia, Galles, Russia e Svizzera. Andrea si è potuto togliere anche la soddisfazione di segnare il suo primo gol in maglia azzurra nella prima partita contro la fortissima Irlanda (squadra vincitrice del torneo ed ammessa all’EuroHockey Championship I U18 Boys 2015) per 8-2. Nella seconda partita contro la Polonia, Andrea ha fornito degli ottimi assist, in particolare al compagno di squadra Gianluca Petito (atleta dell’Hc Bra) che è valso il 5 ° gol con il quale gli azzurri avevano riaperto la partita sul parziale di 6-5 per la Polonia, nella combattutissima gara persa poi 7-5 contro i padroni di casa, proprio allo scadere del match. Contro il Galles Andrea Fardellini ha giocato un’altra buona gara, fornendo un altro buon assist sempre al compagno di squadra Petito per il gol del momentaneo pareggio azzurro del 2-2, ma la rete è stata poi annullata per un tocco di piede dello stesso attaccante braidese rilevato dall’arbitro; sul finire dell’incontro ha inoltre impegnato il portiere gallese su azione di corner corto chiamandolo a compiere una difficile parata di guantone. Contro la Russia e contro la Svizzera, Andrea ha giocato altre due buone partite. Contro la Russia nel match perso per 7-1, Andrea ha messo in difficoltà la retroguardia avversaria su corner corto con una conclusione a mezza altezza respinta dal portiere. Contro la Svizzera, nel match pareggiato 2-2 che è valso la conquista per gli azzurri del 5° posto finale e che ha relegato di fatto così gli elvetici al 6° ed ultimo posto in classifica, Andrea Fardellini ha costretto in due circostanze il portiere elvetico a compiere due difficili parate: la prima su azione di corner corto nel finale di 1° tempo con un tiro rasoterra respinto di bastone; poi nella ripresa quasi allo scadere con un tiro alto a incrociare sul secondo palo da sinistra verso destra respinto in tuffo con il guantone. Ora per Andrea Fardellini l’estate 2013 riserverà qualche settimana di meritato riposo, con il pensiero già rivolto alla serie A indoor e alla serie A2 prato, oltre ai campionati giovanili U21 sia indoor che prato, restando in attesa, ovviamente, delle prossime convocazioni in maglia azzurra.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: