Musica

Bilancio positivo per l’Antica Fiera del Bestiame

Si è chiusa positivamente l’edizione 2012 dell’Antica Fiera del Bestiame, rassegna espositiva del Bovino di Razza Piemontese ma anche rassegna dell’intero settore agricolo, una vetrina di rilievo regionale patrocinata dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, organizzata dal Comune di Carcare con la preziosa collaborazione della Regione Liguria, della Camera di Commercio di Savona e di soggetti promotori privati.

In numeri, hanno partecipato ben 20 aziende agricole del settore dell’allevamento tra le giornate di Venerdì, con il primo concorso dedicato alla categoria dei Buoi, e di Domenica con tutte le altre categorie di bovini, tutti rigorosamente di Razza Piemontese. 15 aziende tra concessionari di macchinari agricoli e aziende specializzate nel settore meccanico zootecnico e agroforestale, 60 aziende agricole di coltivatori diretti nel mercato dei produttori locali. Per quattro giorni Carcare ha ospitato migliaia di persone provenienti da tutto il comprensorio provinciale e dal vicino Piemonte, molti curiosi e appassionati delle tante manifestazioni culturali a tema con la rassegna e tanti addetti ai lavori, dando prova di una spiccata vocazione all’accoglienza ed all’ospitalità. Le valutazioni dei capi bovini sono state seguite dal personale dell’Associazione Provinciale Allevatori. Encomiabile è stato il lavoro dell’equipe dei veterinari dell’ASL2 Savonese Lovesio, Carretto e Ferraro. L’appuntamento annuale con l’Antica Fiera del Bestiame permette di valorizzare il patrimonio agricolo e zootecnico di un segmento economico, che conti alla mano su tutto il territorio della Provincia di Savona conta 4200 bovini prevalentemente di Razza Piemontese e 7600 ovicaprini. Grazie all’impegno degli allevatori e delle istituzioni, la finalità è quella di far conoscere, attraverso lo strumento della fiera espositiva, le realtà aziendali presenti nella zona della Valle Bormida, promuovendo il valore economico, etico e culturale che rappresentano per il territorio e per la sua qualificazione. Non bisogna dimenticare che il settore dell’allevamento, specialmente in aree marginali come quelle in cui operano le aziende valbormidesi, da diversi anni affronta una grave crisi, dovuta al notevole aumento dei costi di produzione, superiori rispetto alle aziende di pianura e all’aumento degli adempimenti burocratici. Quello “valbormidese” preserva un alto valore qualitativo, le istituzioni hanno il dovere di difenderlo, incentivarlo e promuoverlo, la Fiera di Carcare risponde a queste finalità. Un settore che per restare vincente deve essere sensibile ai cambiamenti del mercato e pronto alle innovazioni, la soluzione, in parte, sembra essere la multifunzionalità proponendo vendita diretta con l’apertura di macellerie e caseifici aziendali, la qualità delle produzioni e la certificazione del prodotto.

Christian De Vecchi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: