Attualità

Boicottate dai balneari le fiere del turismo

Dopo la serrata mattutina del 3 agosto scorso, i balneari mettono in atto un’altra forma di protesta, decidendo di auto-escludersi dalle fiere di settore come pressione verso il governo a sostegno della richiesta di sospendere l’attuazione nel settore delle concessioni demaniali per il turismo costiero, della direttiva europea di liberalizzazione dei servizi (“Bolkenstein”) .

La decisione è stata comunicato in una nota congiunta di Sib, Fiba e Assobalneari. “Abbiamo deciso che, da oggi – dicono i sindacati dei balneari – non parteciperemo più a nessuna fiera del nostro settore né per organizzare eventi e manifestazioni sindacali né come visitatori”.
Nonostante il ministro per i Rapporti con il Parlamento Piero Giarda, rispondendo ad una interrogazione dell’Idv sul futuro delle concessioni demaniali marittime, abbia garantito che il Governo intende “attivare forme di interlocuzione con la commissione europea sul testo del decreto”, i balneari proseguono sulla loro strada. 
“Non è tanto una forma di protesta quanto una presa di contatto con la realtà – dice Riccardo Borgo presidente nazionale del Sib – non ha senso pianificare il futuro delle imprese quando queste non hanno nessuna certezza. E non è un caso che ogni anno si investa sempre meno o si partecipi a fiere dove si discute del futuro”.
Intanto i balneari pensano già ad altre forme di protesta. All’inizio del mese di ottobre, nello stesso periodo in cui si svolge il Salone Sun di Rimini, Sib, Fiba e Assobalneari organizzeranno una manifestazione a livello nazionale in una località ad alta valenza turistico-balneare.
“Stiamo vivendo una situazione di incertezza che non va bene e i nostri venditori ne stanno già risentendo – dice Enrico Schiappapietra , presidente provinciale del Sib –. Al Sun di Rimini mi risulta che ci sia già un calo del 60% dei partecipanti; è una fiera importante per noi, dove si vedono le novità della prossima stagione stiva, ma senza la certezza di un futuro non possiamo pianificare nulla”.
Con la chiusura ufficiale della stagione, segnata dall’inizio delle scuole, i balneari del Savonese fanno un primo bilancio. Se i clienti italiani hanno frequentato meno le nostra spiagge nell’estate che sta per chiudersi,  gli stranieri, in particolare tedeschi, francesi e gli abitanti di altri paesi del Nord Europa hanno segnato una leggera inversione di tendenza; probabilmente una parte dei turisti stranieri che prima frequentavano il Nord Africa, oggi a causa delle tensioni in quei Paesi hanno scelto il savonese. “La stagione ha avuto una partenza negativa – dice Schiappapietra – vuoi per la crisi vuoi per il brutto tempo.  Abbiamo registrato un calo dal 3% al 6% circa, per riprenderci verso luglio-agosto, ma ad incidere non è stato tanto il calo delle presenze quanto quello dei consumi. Chi ha deciso di venire in spiaggia lo ha fatto con un occhio particolarmente attendo alla spesa”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: